Mercoledý 11 Dicembre16:09:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Centro operativo intercomunale Valconca, in arrivo 28mila euro per potenziare la Protezione Civile

Le risorse messe a disposizione sono state utilizzate per l’acquisto di beni strumentali, meccanici e vestiario specifico

Attualità Valconca | 10:16 - 06 Novembre 2019 Auto della Protezione Civile Auto della Protezione Civile.

Con il riconoscimento, da parte della Regione Emilia Romagna, di un altro finanziamento pari a 28mila euro, il COI (Centro Operativo Intercomunale) Valconca, che ha sede a Morciano di Romagna, completa il percorso - avviato a novembre 2018 - per il potenziamento del Gruppo di Protezione Civile. Le risorse messe a disposizione sono state utilizzate, così come le precedenti erogate sempre dalla Regione, per l’acquisto di beni strumentali (postazione pc), meccanici (torre faro, motopompa, carrello rimorchio, autoveicolo con gancio da traino) e vestiario tecnico specifico. Il progetto di potenziamento ha visto impegnati in prima persona il responsabile del Servizio di Protezione Civile, Marcello Pecci (che riveste altresì il ruolo di Comandante della Polizia Locale dell’Unione Valconca); la coordinatrice del Gruppo dei Volontari COI Valconca, Elena Castiello; il sindaco del Comune di Montegridolfo, Lorenzo Grilli nella veste di coordinatore politico-amministrativo e con delega alla Protezione Civile. Grazie alle nuove dotazioni, il COI Valconca diviene pienamente operativo per quanto concerne la fase di primo intervento in caso di criticità. Nel corso degli anni, il numero dei volontari in seno al COI è cresciuto molto passando dai 15 del 2016 ai 35 del 2019.



Il “Gruppo Intercomunale Volontari Protezione Civile - GIV” ha propria autonomia operativa a pronta risposta per i bisogni dell’Unione Valconca; nelle situazioni di calamità importanti può essere richiesta la disponibilità di volontari in qualsiasi area del territorio italiano. La richiesta arriva dal Coordinamento Provinciale di Protezione Civile (a cui sono iscritti tutte le associazioni o i gruppi Comunali o Intercomunali) tramite l’Agenzia Regionale che attiva la colonna mobile dei soccorsi.



Di seguito un elenco delle attività di supporto svolte nel periodo 2016-2019



Agosto/Settembre 2016

Tendopoli di Uscerno e Montegallo (Ascoli Piceno): volontari presenti in attività di logistica per l’allestimento del campo di accoglienza e nella gestione della segreteria d’emergenza.



Ottobre/Novembre/Dicembre 2016

Tendopoli di Caldarola (Macerata): volontari impegnati nelle attività di cucina, logistica, impiantistica e segreteria.



2016/2017/2018 Gemellaggio Regione Emilia Romagna - Regione Puglia per la prevenzione degli incendi boschivi: volontari presenti a Manduria e Campo Salentino.



2018 Ricerca di persone disperse (6 volontari) in zona Poggio Berni.



2019 Esondazione del fiume Secchia: volontari inseriti nella colonna mobile dei soccorsi del coordinamento di Rimini intervenuti a Marzaglia (Modena) per ripulire i capannoni delle aziende alluvionate.



Sant’Andrea in Casale (San Clemente): in concertazione con i Vigili del Fuoco svuotamento delle cantine alluvionate di un locale commerciale e di una abitazione privata a seguito di un’importante precipitazione piovosa.