Mercoledý 20 Novembre14:29:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Si stacca l'attacco della benna e lo colpisce in testa, operaio rimane invalido

Titolare di una ditta del cesenate di produzione di benne e attrezzature per escavatori a processo

Cronaca Savignano sul rubicone | 07:47 - 02 Novembre 2019 Benna escavatore, foto di repertorio Benna escavatore, foto di repertorio.

Il 24 settembre del 2013 un 30enne di Savignano sul Rubicone rimase gravemente ferito in un incidente sul lavoro, riportando un'invalidità permanente del 35%. Per quanto capitato all'uomo si trova a processo, presso il Tribunale di Forlì, un 57enne di Mercato Saraceno, titolare di una ditta del cesenate di produzione di benne e attrezzature per escavatori. L'uomo deve rispondere di lesioni personali colpose. Fu proprio l'attacco rapido, il componente che collega "il braccio" dell'escavatore alla benna o alla specifica attrezzatura, a provocare l'infortunio del lavoratore, impegnato in un cantiere per la ditta edile del quale era dipendente: questi, intento a rimuovere il martello demolitore per fissare la benna, fu ferito alla fronte dall'attacco rapido a seguito del suo sganciamento. Proprio le perizie presentate dai consulenti di parte sono mirate a ricostruire la dinamica dell'incidente: quella del consulente di parte civile, prodotta in giudizio dall'avvocato Dennis Gori, evidenzia il cedimento della saldatura, non causato da un errore dell'operaio durante la smontatura del martello demolitore; e che le operazioni di manutenzione da parte di quest'ultimo non potevano far rilevare questo cedimento.


Opposizione al decreto penale di condanna


Il 57enne, quale rappresentante legale della ditta produttrice del componente, si è opposto al decreto penale di condanna e ora affronterà il processo. L'operaio, costituitosi parte civile e rappresentato in giudizio dall'avvocato Dennis Gori, riportò un'invalidità del 50% per i lavori manuali, un'invalidità specifica lavorativa del 100% (per il suo impiego precedente) e un'invalidità fisica permanente del 35%. La prognosi iniziale per lui fu di una trentina di giorni, ma il 30enne trascorse diversi mesi in ospedale.