Venerdý 06 Dicembre15:02:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Riccione il mare "vive" anche di inverno: centinaia di operatori turistici interessati

In particolare c'è la possibilità di mantenere gazebo, giochi per bambini e camminamenti

Attualità Riccione | 13:54 - 31 Ottobre 2019 Spiaggia Spiaggia.

Sono scaduti il 28 ottobre i termini del bando Riccione Mare d’Inverno rivolto agli operatori turistici per aderire alle manifestazioni di interesse del 2019/2020.

“Anche quest’anno la risposta è stata positiva per il numero di domande presentate – commenta l’assessore al demanio Andrea Dionigi Palazzi - sintomo che l’iniziativa lanciata dall’amministrazione è sentita come un’ opportunità rilevante in sintonia con le richieste dei cittadini e dei turisti di vivere il mare anche durante la stagione invernale. E le opportunità per ristoratori e bagnini sono diverse come l’allestimento di cupole pressurizzate dove ospitare la clientela per gustare cene o aperitivi sulla sabbia al caldo, la messa a disposizione di lettini per l’elioterapia, il mantenimento di gazebo, chiringuito o di giochi per bambini. Segnali chiari provenienti dai nostri operatori della voglia di accogliere e scommettere con nuove proposte per la città di Riccione”.
 
Il bando distingue 2 tipologie di manifestazioni di interesse.

La possibilità nel periodo invernale di presentare proposte che consentano di mantenere gazebo, senza somministrazione, giochi per bambini e camminamenti, a condizione che il privato si impegni a renderli operativi e utilizzabili con una manutenzione accurata, nel periodo compreso tra il 28 ottobre 2019 e il 29 marzo 2020, così da garantire un servizio in più ai turisti con una spiaggia attrezzata e ordinata. Sono 94 le domande pervenute. 6 di queste riguardano chiringuito e ristoranti senza il montaggio di nuove strutture. 

Nell’ottica dell’ innovazione e di una maggiore offerta sulla spiaggia si conferma per gli operatori interessati il permesso di mantenere aperte le proprie attività con cupole geodetiche pressurizzate, strutture a pannellature mobili a completamento della chiusura delle cupole per la durata di 120 giorni, come lo scorso anno in maniera anche non consecutiva. Sarà possibile, in altre parole, specificare il periodo d’inizio e fine o per l’arco di tutti i 120 giorni o in periodi spezzati, a condizione di rimuovere le strutture alla cessazione dell’attività anche nell’intervallo di tempo dei periodi non consecutivi ma rientranti comunque nei 120 giorni complessivi. In questo caso le domande sono state 4. 

Novità del bando di quest’anno, è stata la semplificazione delle modalità di presentazione delle domande così da snellire ulteriormente le procedure di rilascio delle autorizzazioni.

Vagliate dagli uffici del demanio la manifestazioni di interesse presentate dai privati, quelle rientranti nei requisiti richiesti, riceveranno l’autorizzazione in tempi brevi : entro il mese di novembre con validità fino al 30 marzo.