Mercoledė 11 Dicembre16:13:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Halloween: c'è chi dice no, in aumento le segnalazioni al numero verde Antisette

L'Associazione Papa Giovanni chiede più vigilanza della scuola e delle famiglie contro un culto pagano che esalta orrore e stregoneria

Attualità Rimini | 06:30 - 31 Ottobre 2019 Zucche di Halloween e candele Zucche di Halloween e candele.

Tornano le celebrazioni di Halloween e la Papa Giovanni XXIII, per voce del suo presidente Giovanni Paolo Ramonda, ribadisce lo sdegno per la festa, definita "una finta carnevalata consumistica che risponde per alcuni a un culto satanico collettivo, che equivale al loro capodanno". In merito, la Papa Giovanni XXIII rimarca che in coincidenza con Halloween, in Italia, si registra un aumento del 60% di segnalazioni al Numero Verde nazionale Antisette (800-228866) istituito dal 2002 dalla Papa Giovanni XXIII in collaborazione con la Polizia di Stato. A chiamare, spiega la nota firmata da Ramonda, sono principalmente genitori e insegnanti: "Sotto le mentite spoglie di una pseudo-festa, anche in scuole frequentate dai bambini più piccoli, viene propagandato il mondo dello spiritismo con la recita di filastrocche inopportune, l'esaltazione della stregoneria, del macabro, dell'orrore e dell'occultismo". Prosegue Ramonda: "Halloween, il 31 ottobre è il Capodanno di tutto il mondo esoterico, la festa più importante dell'anno per i seguaci di satana. Per gli occultisti halloween ha le sue radici in un culto pagano ed è una delle quattro ricorrenze più importanti del loro calendario, dove la profanazione dei cimiteri, le messe nere, i sacrifici e ogni sorta di dissacrazione e sacrilegio vengono praticati ed esaltati". Ramonda chiede una stretta vigilanza delle famiglie, delle scuole, delle associazioni sportive, delle cooperative e dei centri culturali e ricreativi, in particolare sui minori, mentre agli operatori pastorali è chiesto di "non confondere, anche con la voluta ambiguità etimologica, la grande festa civile e religiosa di Ognissanti con una finta carnevalata consumistica".