Venerd́ 06 Dicembre00:03:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Judo Riccione: Morgana De Paoli è oro al 21° Trofeo internazionale Città di L’Aquila

Simone Michelotti (Under18) vince due dei 4 incontri e conclude al 9° posto

Sport Riccione | 15:31 - 29 Ottobre 2019 Da sinistra Badiane Ousmane e Morgana De Paoli Da sinistra Badiane Ousmane e Morgana De Paoli.

Fra i 1.500 atleti che hanno popolato la città di L’Aquila lo scorso week-end per il 21° “Trofeo Internazionale Città di L’Aquila - 15° Memorial Brigadiere Augusto Desideri” ci sono anche due riccionesi che hanno portato onore ai colori della sezione Judo Polisportiva Comunale Riccione.

Partiamo dalla gara di domenica, che ha visto la campionessa Morgana De Paoli affermarsi ancora una volta ai vertici della categoria +70 kg Under 15. Questa volta nessuna falsa partenza per la riccionese che ha conquistato l’oro in una difficile categoria composta da 16 atlete provenienti da tutta Italia. Ha superato ben 4 incontri, tutti prima del termine per ippon (il KO del judo), contro avversarie agguerrite e per niente disposte a farsi sconfiggere dalla romagnola, nonostante sia la campionessa italiana in carica e abbondantemente prima nella ranking list.

Nella giornata di sabato invece, la Polisportiva Comunale Riccione è stata rappresenta da Simone Michelotti, -81 kg, Under 18. Il diciasettenne ha affrontato una categoria difficilissima, alla presenza di 27 fra i migliori atleti italiani. Tra questi il campione italiano in carica Nose Maddaloni, figlio adottivo del maestro Gianni, famoso per la sua lotta anticamorra (attraverso il judo) a Scampia e per la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Sidney 2000 del figlio Pino Maddaloni. Il riccionese, con due incontri vinti e due persi, si è dovuto accontentare di un 9° posto nella classifica finale.

Entrambi gli atleti sono stati seguiti dal tecnico della Polisportiva Badiane Ousmane, grande campione del passato, con esperienze nei panorami mondiali, che ora presta la sua esperienza ai giovani riccionesi con estrema professionalità.

"I nostri ragazzi questo week-end hanno dato il massimo – ha detto il tecnico Ousmane -. Morgana è stata determinata e anche se la sua preparazione non è ancora al top è in costante crescita sia tecnica che fisica. Con lei chiuderemo l’anno agonistico l’8 dicembre alla finale di Ostia dove avrà l’arduo compito di difendere il titolo italiano conquistato lo scorso anno. Simone ha fatto una bella gara, anche se sicuramente poteva andare meglio.
Anche con lui la preparazione non è ancora al top e stiamo lavorando per arrivare bene al 23 e 24 novembre quando Riccione ospiterà il campionato nazione Csen, che lo scorso anno si è svolto a Follonica, dove Simone conquistò un argento che quest’anno vorrebbe migliorare”.

Il 23 e 24 novembre la Polisportiva Riccione co-organizzerà il Campionato Nazionale Csen valevole anche come Campionato Italiano non vedenti con la collaborazione della Fispic (Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi). Tutti sono invitati a partecipare all’evento che porterà oltre 600 atleti da tutta Italia e offrirà spettacolo ed emozioni.