Venerd́ 06 Dicembre04:48:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket giovanile, l'Under 18 dei Crabs ko con la Fortitudo sul filo di lana: 64-67

Match spettacolare ed emozioni alla palestra Carim. Ferrari 22 punti, Cruz 18

Sport Rimini | 20:07 - 22 Ottobre 2019 La squadra Under 18 dei Crabs La squadra Under 18 dei Crabs.


Dopo 40 minuti di intensità, di talento, di giocate spettacolari e di errori banali, di scontri, di falli, di bombe che fanno esplodere tutta la palestra “Carim”, di antisportivi e di tecnici, di tiri sbagliati e di canestri incredibili, i Crabs under 18 hanno lasciato i due punti alla Fortitudo Bologna: 64-67.

Ai blocchi scatta meglio la Fortitudo, la maggior fisicità bolognese si fa sentire sotto canestro e solamente Martino Ferrari (22 punti) riesce a punire ripetutamente la difesa avversaria.

Già nella seconda frazione si vede una reazione da parte dei ragazzi di Maghelli. Inizia ad alzarsi l’intensità difensiva, i Granchi riescono a contenere maggiormente gli attacchi bolognesi mentre in attacco finalmente si vede un gioco più pulito ed efficace. Punti importanti arrivano dalle mani di Leonardo Josè e Matteo Montanari ma è ancora una volta Martino Ferrari a fare la differenza in entrambe le metà campo.


Le squadre rientrano dall’intervallo con 10 punti di differenza (30-40). I Granchi alternano situazioni di difesa a uomo e a zona, mettendo grande pressione alla Fortitudo. Mentre Filippo Rossi rimane il sorvegliato speciale da parte della difesa biancoblu, si creano gli spazi per gli attacchi di Guido Berardi e Henrique Curi Moraes. Minuto dopo minuto il divario fra le due squadre diminuisce e grazie alla grande intensità difensiva di Merfi Rosario Cruz, arrivano diverse palle recuperate che il play riminese trasforma in punti decisivi. A fine terzo periodo lo svantaggio è di soli 5 punti.

Nonostante le tante energie spese, i Crabs non retrocedono di un millimetro, e con l’importante contributo di Jacopo Santoro (9 punti e 5 rimbalzi) e alla grande forza difensiva, i riminesi arrivano al -2 con ancora 3 minuti e 43 da giocare.


La partita si trasforma in un incontro di ping pong, dove le squadre corrono su e giù per il campo ma senza più segnare. Il tabellone segna 64 - 66 e 27”7 da giocare. Il punteggio non si sblocca. Henrique Curi Moraes recupera un pallone pesantissimo e con 5 secondi da giocare parte all’attacco, ma marcato da due giocatori bolognesi cade a terra e mentre cerca di trovare lo spazio per passare il pallone ad un compagno il tempo scade. Assieme al suono della sirena, si sente anche il fischio di un arbitro: fallo tecnico a carico dei Granchi e un tiro libero per i bolognesi, che dalla lunetta non sbagliano e chiudono la partita 64- 67.

Prossima sfida a Reggio Emilia.

IL COACH “Siamo partiti un po’ contratti, timorosi che la loro maggior fisicità potesse metterci in difficoltà. Questo ha dato fiducia ai nostri avversari che hanno appunto iniziato a sfruttare questa loro caratteristica – dice coach Maghelli - A quel punto abbiamo provato a cambiare le carte in tavola, abbiamo cercato soluzioni differenti in attacco ma soprattutto abbiamo modificato la difesa, incrementando sempre più l'intensità e togliendo ogni possibile punto di riferimento al loro attacco. I ragazzi sono stati bravi a tener duro, non demordere mai e a sfruttare i nostri punti di forza per recuperare quel primo break. Alla fine siamo arrivati punto a punto e in quel momento qualche occasione sprecata e qualche episodio sfavorevole ci hanno condannato ad una sconfitta. La nostra testa è già alla prossima sfida, il campionato continua e noi ci faremo trovare pronti.”


Il tabellino

CRABS 6 FORTITUDO BOLOGNA 64-67

Crabs: Berardi 2 (1/4, 0/1, 0/0), Ferrari 22 (9/20, 0/0, 4/7), Baroni n.e., Rosario Cruz 18 (5/6, 1/5, 5/6), Curi Moraes 2 (1/2, 0/1, 0/0), Rossi 6 (1/6, 1/5, 1/2), Giorgini n.e., Gamboni n.e., Santoro 9 (3/4, 1/6, 0/0), Tamburini n.e., Montanari 2 (1/6, 0/1, 0/0), Josè 3 (0/1, 1/2, 0/0). All. Andrea Maghelli, Ciro Luongo, Danilo Daccico.

PARZIALE: 14 – 26, 30 – 40, 51 – 56