Giovedì 14 Novembre08:37:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Città impreparate al cambiamento climatico, studio mondiale: c'è anche Rimini

Sono molti gli eventi estremi già registrati, come tante le città che ne sottovalutano ancora i rischi

Attualità Rimini | 18:21 - 22 Ottobre 2019 La tempesta che si è abbattuta sulla riviera a fine agosto 2019 La tempesta che si è abbattuta sulla riviera a fine agosto 2019.

C’è anche Rimini tra le 620 città che in tutto il mondo sono state analizzate lungo tutto il 2018 dall’organizzazione Carbon disclosure project (Cdp) per stilare quali sono i luoghi più a rischio per effetto dei cambiamenti climatici, proprio perché non attrezzate per l’adattamento e politiche di resilienza. Ci sono anche Venezia, Torino, Bologna, L'Aquila, Genova e Oristano. Del totale, l’85 per cento dei nuclei (quindi 530 città per 517 milioni di abitanti hanno riportato eventi climatici estremi quali inondazioni (71%), ondate di calore (61%) e siccità (36%). A questi si aggiungono poi i rischi sociali, ad esempio l'aumentata incidenza di malattie e la richiesta di servizi pubblici come la sanità.

Il punteggio di rischio per Rimini è pari a uno: tra i fenomeni più preoccupanti registrati lo scorso anno e riconducibili ai cambiamenti climatici ci sono le tempeste di pioggia, vento e grandine. La città più a rischio in Italia è Venezia con ben 11 calamità naturali registrate, e quindi potenzialmente replicabili.

Il rapporto del Cdp rivela poi che solo 336 città (46%) stanno facendo valutazioni della propria vulnerabilità. Quelle più consapevoli stanno mettendo in campo un numero di azioni sei volte superiore rispetto alle altre città: si tratta per lo più di piani per la difesa dalle inondazioni (26%) e la gestione delle emergenze. D'altro canto, il 46% delle città nel rapporto non sta prendendo alcun provvedimento e, tra queste, anche il 41% delle città che stanno già vivendo gli effetti del cambiamento climatico.