Luned́ 09 Dicembre01:35:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, nidi d’infanzia: dalla regione 66mila euro per la riduzione delle rette mensili

Oltre 60 le famiglie santarcangiolesi che potranno usufruire di contributi fino a 160 euro

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:30 - 17 Ottobre 2019 Nidi d'infanzia, arrivano le riduzione delle rette Nidi d'infanzia, arrivano le riduzione delle rette.

A  Santarcangelo oltre 60 famiglie potranno usufruire della riduzione fino a 160 euro mensili (1.500 euro annui) della retta per la frequenza al nido d’infanzia nell’anno scolastico 2019/2020 grazie al progetto “Al nido con la Regione ”.

La Regione Emilia-Romagna ha infatti stanziato un fondo di 18 milioni di euro, di cui oltre 66mila destinati a Santarcangelo, per sostenere le famiglie nel pagamento mensile delle rette del nido d’infanzia. Le riduzioni, calcolate sulla base del reddito Isee, variano da un minimo di 10 euro a un massimo di 160 euro mensili .

Destinatari del contributo sono i residenti nel Comune di Santarcangelo, il cui figlio frequenti un nido comunale con un reddito Isee non superiore a 26.000 euro. Per gli iscritti ai Nidi “Mongolfiera” e “Rosaspina”, le riduzioni vengono applicate automaticamente alla retta mentre per i genitori di bambini che frequentano nidi pubblici fuori comune sarà predisposto un apposito bando entro i primi mesi del prossimo anno.

“Ai bonus della legge sulla buona scuola, che ha consentito una riduzione delle rette di 20 euro mensili – afferma l’assessora a Scuola e servizi educativi Angela Garattoni – si aggiunge quello ben più consistente della Regione Emilia-Romagna, con riduzioni che vanno dal 50% al 70% rispetto alla quota fissa delle tariffe precedenti. Si tratta di un aiuto concreto alle famiglie che possono coniugare e conciliare il tempo dedicato al lavoro e ai bambini, senza pesare significativamente sul bilancio del nucleo”.
“Per di più – conclude l’assessora Garattoni – si favorisce l’utilizzo di un servizio altamente educativo che consente la crescita sana e la socializzazione dei bambini”.