Venerd́ 06 Dicembre04:45:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pizzeria come base per lo spaccio in provincia di Bologna, perquisizioni anche a Rimini

Operazione "Castello d'erba", sequestrati 100 kg. di marijuana, 30 kg. di hascisc, 500 gr. di cocaina

Cronaca Rimini | 06:35 - 17 Ottobre 2019 Carabinieri in azione Carabinieri in azione.

Anche Rimini risulta tra le città dove sono state effettuate delle perquisizioni relative all'operazione "Castello d'erba" che ha portato a 18 ordinanze di custodia cautelare in carcere. Nel corso dell'indagine sono stati sequestrati 100 kg. di marijuana, 30 kg. di hascisc, 500 gr. di cocaina (con una percentuale di purezza del 90%), oltre a due pistole. Un ristorante pizzeria a Castel Maggiore, nel Bolognese, era una delle basi operative dell'organizzazione italo-albanese di trafficanti e spacciatori di stupefacenti scoperta dai Carabinieri di Bologna. L'operazione è partita avviata nel 2017. La droga, comprata in Spagna o in Francia e portata in Italia con staffette in auto, era destinata in gran parte a Bologna, per la vendita al dettaglio. 
La pizzeria di Castel Maggiorefino alla primavera 2018 secondo gli investigatori sarebbe stata utilizzata come deposito per le partite di stupefacenti, ma anche come luogo di cene che erano riunioni fra i trafficanti. L'operazione ha riguardato non soltanto il territorio nazionale (Bologna, Rimini, Ferrara, Ravenna, Modena, Vercelli, Terni e Matera) ma anche Barcellona in Spagna e Valona in Albania.