Domenica 17 Novembre17:31:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Piergiorgio Odifreddi due volte a Rimini per parlare di scrittura, cultura, scienza e religione

Sarà ospite prima della rassegna Nemesis di Pangea, poi di Immagimare della Coop

Eventi Rimini | 10:26 - 16 Ottobre 2019 Piergiorgio Odifreddi Piergiorgio Odifreddi.

A Nemesis arriva Piergiorgio Odifreddi. Il ciclo di incontri ideato e organizzato dal quotidiano culturale on line “Pangea” la partecipazione di Comune di Rimini e della fondazione Carim ha già permesso di incontrare Maria Antonietta (Cantautrice), Franco Rella (filosofo), Silvia Bre e Alessandro Ceni (poeti), Luca Doninelli (scrittore), Monica Guerritore (la diva) e Vittorio Emanuele Parsi (il docente di relazioni internazionali), insomma mancava soltanto lo scienziato, divulgatore e polemica, per dirla in breve il “matematico impertinente, che venerdì 18 ottobre alle 21 al teatro degli Atti di Rimini si confronterà con Davide Brullo sulla sua opera e la sua vita. L'altro incontro in cui è possibile vederlo (ma i posti sono terminati) è "La scienza che verrà" ospitato sabato 19 ottobre alle 10 al Fulgor nell'ambito della rassegna "Immagimare".

La rassegna ha l’ambizione di diventare una sorta di seminario permanente, nei mesi di settembre e ottobre, in cui la cittadinanza possa dialogare con i protagonisti della cultura italiana. L’incontro è ad accesso libero ed è realizzato come gli altri del ciclo in collaborazione con Sky Arte, Fusp e Terre di Grabo.

Poligrafo, biografo di Darwin (“In principio era Darwin”), Lucrezio (“Come stanno le cose”) e di Kurt Gödel (“Il dio della logica”), Odifreddi sarà interpellato anche intorno ai libri anticattolici (“Perché non possiamo essere cristiani e meno che mai cattolici”) e ai saggi corrosivi (“La democrazia non esiste”), in una sorta di dialogo che mette a contrasto “il diavolo e l’acqua santa”.