Venerd́ 13 Dicembre08:26:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini tra le province in Italia in cui gli incidenti sono meno gravi

Aci ed Istat hanno elaborato i dati degli incidenti su base provinciale: nel 2018, crescono le vittime a Genova, Bari e Brescia

Attualità Nazionale | 15:10 - 11 Ottobre 2019 Incidente scooter, foto di repertorio Incidente scooter, foto di repertorio.

Le province di Genova, Bari e Brescia sono quelle che nel 2018 hanno registrato il maggior aumento di decessi legati a incidenti stradali, rispettivamente +37, +24 e +22. In quelle di Modena e Foggia, al contrario, si sono registrati i decrementi maggiori d'Italia, entrambe con 18 vittime in meno. L'indice di mortalità più elevato è stato registrato nel Sud della Sardegna, a Vibo Valentia, Vercelli, Benevento e Catanzaro mentre quello più basso si rileva a Milano, Monza, Rimini e Ascoli-Piceno.

Questi in sintesi i dati relativi alle vittime della strada 2018, diffusi con una nota da Aci, in cui viene sottolineato come gli obiettivi europei 2020 in tal senso, di una riduzione del 50% dei morti rispetto al dato del 2010, siano stati raggiunti lo scorso anno solo in sei aree amministrative: Agrigento (-78%), Barletta-Andria-Trani (-66%), L'Aquila (-52%), Campobasso (-52%), Taranto (-51%) e Terni (-50%). Nel complesso, in tutto il Paese, sempre rispetto al 2010, il numero dei decessi per incidente stradale è diminuito, in media, solo del 19%, Nel 2018, viene sottolineato, sulle strade italiane si sono registrati 172.553 incidenti con lesioni a persone, che hanno causato 3.334 decessi e 242.919 feriti. Rispettivamente 472 incidenti, 9 morti e 665 feriti, in media, ogni giorno. Le statistiche provinciali elaborate da ACI e Istat, indicano appunto Genova "maglia nera", un triste primato dovuto principalmente alla tragedia del ponte Morandi. Il capoluogo ligure è seguito, appunto, dagli aumenti di Bari e Brescia e da Messina (+19), Chieti (+15) e Vercelli (+13). "Maglia bianca", invece, per Modena e Foggia, dove si sono registrati 18 morti in meno, davanti a Cuneo e Trapani (-16), Asti, Caserta e Taranto (-15).

Dallo studio emerge infine che l'indice di mortalità nazionale si assesta su 1,9 decessi ogni cento incidenti mentre a livello provinciale sono diverse le situazioni in cui questo valore aumenta sensibilimente. Il più alto, appunto, lo fa registrare il il sud della Sardegna con 6,5 morti per 100 incidenti, seguito da Vibo Valentia (6,2), Vercelli (6), Benevento (5,3) e Catanzaro (5,1). In altre 12 province (Aosta, Sondrio, Rieti, Frosinone, Chieti, Caserta, Foggia, Potenza, Matera, Cosenza, Crotone, Enna) l'indice supera il valore di 4 morti ogni 100 incidenti, risultando più che doppio rispetto alla media nazionale.

A Milano, Monza, Rimini e Ascoli-Piceno si registra il valore più incoraggiante, inferiore ad 1 morto ogni 100 incidenti.