Mercoledž 16 Ottobre02:26:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

AUDIO Romagna "terra della dolce vita": come promuovere il territorio unito tra nuovi strumenti e grandi eventi

Da cartine e brochure dedicate alla Romagna a un calendario eventi unificato. C'è anche il nuovo sito web

ASCOLTA L'AUDIO
Attualità Rimini | 15:06 - 11 Ottobre 2019 La presentazione del programma di promo-commercializzazione della Romagna a cura di Regione e Visit Romagna La presentazione del programma di promo-commercializzazione della Romagna a cura di Regione e Visit Romagna.

Nuovo portale web con siti satellite dedicati al mondo della bici e della notte in riviera, un calendario dei grandi eventi già pronto (il prossimo sarà ad esempio il quartoo anno di Lonely Planet a Rimini con l’Ulisse Fest, già in programma dal 10 al 12 luglio) e nuovo claim, prima “Romagna, se lo dici sorridi” e poi quello, definitivo, de “La terra della dolce vita”, tutto dedicato a Federico Fellini nell’anno del suo centenario. Sono queste le premesse con cui Visit Romagna pensa al 2020 e presenta all’interno del festival del turismo a Rimini fiera il nuovo progetto di promo-commercializzazione turistica della Romagna, un territorio che non deve soltanto «scatenare i campanilismi ma stimolare il dialogo tra i paesi e le città, perché siamo un territorio comune ed è ora che ce lo mettiamo in testa», come sottolinea perentorio il sindaco nonché presidente dell’ente Andrea Gnassi.

Vicino a lui è seduto l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini, che parla di importanti investimenti nel settore proprio volti a potenziare l’aeroporto di Rimini da una parte, gli arrivi esteri, in particolare tedeschi, dall’altra. «Possiamo migliorare soltanto attraverso l’internazionalizzazione e l’aggressione ai mercati esteri, soprattutto quelli che possono permettersi spese più elevate», sottolinea, «stiamo puntando a mercati nuovi, come la Germania attraverso un accordo con il Bayern Monaco che è in costruzione, oltre che a consolidare i flussi già esistenti». Ma per farlo non bastano le buone intenzioni, servono risorse: «Investiremo un milione di euro l’anno per consentire alle compagnie aeree che decideranno di potenziare la loro presenza all’aeroporto Fellini di Rimini di pubblicizzare le nuove rotte», con un occhio anche ai flussi extra europei. Senza dimenticare però gli arrivi dall’Italia, infatti «realizzeremo degli spot televisivi per farci conoscere anche attraverso i nostri canali». Oltre a questo «siamo pronti come Regione a raddoppiare l’investimento da 25 milioni nel bando per la riqualificazione delle strutture alberghiere se anche la seconda finestra del 15 di ottobre andrà ad esaurirsi in così poco tempo», avendone già messi a disposizione 25 milioni più «30 milioni per riqualificare tutto il lungomare regionale».

Per fare tutto ciò però non bastano le risorse, serve anche una rete ben consolidata. «Comunicare la Romagna significa combattere la frammentazione a cui le normative italiane ci costringono da tempo e che in qualche modo la legge regionale sul turismo ci ha aiutato a superare, anche se le difficoltà sono continue», lamenta il sindaco Gnassi, «la Romagna è un prodotto che non c’era, perché non era integrato. Stiamo lavorando con una banca dati costruita negli ultimi due anni secondo la profilazione dei clienti e dei loro feedback, perché il lusso ora non sta nel numero di stelle, ma nell’esperienza che si può offrire».

Ecco allora che salta fuori una mappa di destinazione, già stampata in migliaia di copie, per guidare il turista alla scoperta del territorio attraverso le sue esperienze, che sarà abbinata alla brochure della Romagna, un modo per riassumere tutte le eccellenze del territorio e le suddivide non per provenienza ma per attinenza.

Online da questa mattina (venerdì 11 ottobre), www.visitromagna.it è una narrazione di quel che si può fare e trovare nella Romagna. Un modo innovativo di concepire i prodotti da vendere, intesi non soltanto come beni materiali ma anche e soprattutto come esperienze da fare, che si potranno acquistare direttamente online. Al sito ufficiale sono associati Romagna Bike e Riviera Nightlife.

La scelta è strategica sia per la Regione sia per Visit Romagna, perché si affaccia un anno ricco di grandi eventi: dall’anniversario della nascita di Fellini e di Tonino Guerra al cinquantenario della Nove Colli (24 maggio), che sarà seguito dall’Italian bike fest, già fissato per l’11, 12 e 13 settembre. A tutto ciò si somma la novità come l’arrivo dell’adunata nazionale degli alpini (8-10 maggio). E sempre il prossimo anno si festeggerà in Romagna anche Pellegrino Artusi, il padre della gastronomia di cui ricorre il bicentenario. Di anniversario in anniversario perché nel 2021 ricorrono i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. Insieme ai grandi anniversari, la Romagna mette in campo tutti i suoi grandi eventi di sistema: dal prossimo Capodanno in Romagna alla Notte Rosa, in programma come da tradizione per il primo weekend di luglio.

Francesca Valente

ASCOLTA L'AUDIO