Venerdì 15 Novembre22:58:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Un progetto per ridare lustro al centro storico di Rimini grazie a Federico Fellini

Presentato in regione "Rimini Act", progetto per eventi culturali che possano poi generare indotto per tutte le attività 

Attualità Rimini | 14:12 - 10 Ottobre 2019 Visuale notturna del centro storico di Rimini Visuale notturna del centro storico di Rimini.


Ruota attorno a Federico Fellini e al Museo che sta per nascere che porta il suo nome una delle azioni principali contenute nel nuovo Rimini Act, il progetto di promozione e marketing del territorio per la valorizzazione e la riqualificazione della rete commerciale del centro storico.

Se il cuore del progetto presentato nel 2019 era il Teatro Galli, riaperto al pubblico il 28 ottobre 2018 dopo 75 anni, nel 2020 il motore dell'iniziativa candidata ad accedere a contributo regionale non poteva che essere Fellini, nell'anno del centenario e dell'apertura del più grande e innovativo museo al mondo dedicato al suo genio e alla sua eredità poetica.

Il progetto punta ad accrescere l'attrattività del Centro Storico, considerato Centro Commerciale Naturale, attraverso il coinvolgimento delle categorie economiche, dei comitati d'area e del tessuto imprenditoriale nel potenziamento dell'offerta di iniziative artistiche, culturali, enogastronomiche che si integrino con il processo di riqualificazione e di rilancio del centro storico. Un percorso che oltre ai già citati Teatro Galli e Museo Federico Fellini, ha portato alla riqualificazione dell'invaso del Ponte di Tiberio, all'Anello delle nuove piazze, al progetto del Museo d'Arte Moderna e Contemporanea al Palazzo del Podestà e alla Sala dell'Arengo.

Obiettivo del Rimini Act è quindi di definire una strategia condivisa con i soggetti coinvolti nel progetto per la realizzazione di eventi culturali in particolare legati alla figura di Fellini, al centenario e alla prossima apertura del Museo: mostre, incontri, letture, spettacoli e interventi musicali che saranno coordinate con altre iniziative già collaudate come il Festival del Mondo Antico e la Rimini Shopping Night, con i grandi eventi come il Capodanno più lungo del mondo e più in generale con le iniziative legate alle festività e infine con eventi di carattere straordinario come l'Adunata Nazionale Alpini prevista a maggio.

L'area di intervento, in piena continuità con l'idea del centro che si espande ai borghi, include anche San Giuliano, il borgo Marina, il borgo di Sant'Andrea, il borgo di San Giovanni e Marina Centro.

Il progetto "Rimini ACT – Arte Commercio Tradizione", che integra strategie coordinate di sviluppo, rappresenta l'ideale continuazione del "Progetto pilota per la valorizzazione del Centro Storico di Rimini" e del "Progetto di promozione e marketing del territorio",  già ammessi a contributo regionale per gli anni 2013 – 2014 e 2018 – 2019. Il costo del progetto per il quale si chiede il contributo della Regione nell'ambito dei finanziamenti che discendono dalla legge 41 per la valorizzazione dei centri commerciali naturali è di 80mila euro, suddiviso in due anni.

"Un'iniziativa di rete – è il commento dell'assessore alle attività economiche Jamil Sadegholvaad -  per creare partnership pubblico-privata solida e valorizzare il nostro centro commerciale naturale. Un progetto nel segno di Fellini, la figura attorno al quale ruoterà il 2020 e che soprattutto consentirà a Rimini negli anni a venire di accrescere la sua attrattività nei confronti del pubblico internazionale. Il coinvolgimento dei privati e delle categorie è indispensabile per affiancare la riqualificazione urbana e per rilanciare il tessuto commerciale della città".