Venerdý 06 Dicembre06:29:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

'Io non rischio'': a Riccione la campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile

Sabato 12 e domenica 13 ottobre volontari in piazza a disposizione dei cittadini in appositi gazebo

Attualità Riccione | 14:45 - 08 Ottobre 2019 Volontari Associazione Arcione, foto di archivio Volontari Associazione Arcione, foto di archivio.

Anche l’Associazione di Protezione Civile “Arcione” sarà coinvolta nella due giorni della campagna nazionale “ Io non rischio” organizzata dalla Protezione Civile nelle principali piazze italiane sabato 12 e domenica 13 ottobre. I volontari saranno a disposizione dei cittadini in appositi gazebo, tra Piazza Unità e viale Diaz, dalle ore 9.00 alle ore 19.00, per informare in maniera capillare delle buone pratiche da adottare nei casi calamitosi, come terremoto o alluvione.
Quest’anno la campagna “Io non rischio”, giunta alla nona edizione, aprirà la prima “Settimana nazionale della Protezione Civile: 7 giorni di eventi ed iniziative durante i quali la popolazione potrà conoscere più da vicino il Servizio Nazionale della Protezione Civile.
Il cuore dell’iniziativa è il momento dell’incontro in piazza tra i volontari e la cittadinanza.
 
L’associazione “ Arcione”, nata nel 2009 fa in occasione del devastante terremoto d’Abruzzo, presieduta da Maurizio Frisoni, consta ad oggi di 60 volontari. Con l’ausilio di bob-cat, automezzi antincendio e con carrello, la presenza dei volontari è sempre assicurata, sia sul territorio locale, per contribuire in stratta sinergia con le altre forze addette a ripristinare la sicurezza, sia fuori provincia in collaborazione con il Coordinamento Provinciale di Protezione Civile. Svolge varie attività durante le emergenze o catastrofi naturali, tra le quali l’installazione dei campi, controllo e vigilanza, implementazione di impianti di illuminazione, sistemazione dei magazzini scorte o distribuzione di alimenti. Recentemente i volontari di “ Arcione” sono stati impegnati, oltre alla scorsa settimana durante le forti raffiche di venti abbattutesi sul territorio comunale, anche negli allagamenti che hanno colpito il forlivese lo scorso maggio, fino agli ultimi eventi sismici di Marche, Emilia ed Abruzzo. Partecipano inoltre nelle scuole con periodiche dimostrazioni e lezioni teoriche agli studenti.
“ Il cittadino deve essere pienamente informato e allo stesso tempo formato - afferma l’assessore alla protezione civile Elena Raffaelli - per disporre di ogni nozione utile da mettere in pratica nei casi di eventi calamitosi. Una informazione che può rivelarsi preziosa  nel salvare vite umane in casi di strema pericolosità. Grazie ad iniziative come queste, i nostri validi volontari della associazione di protezione civile Arcione, che desidero ringrazi are per il loro costante impegno, hanno la possibilità di venire a stretto contatto con le persone, informandole sui comportamenti più giusti da adottare a al tempo stesso favorendo quella consapevolezza che in momenti drammatici può evitare possibili tragedie. E’ giusto ricordare inoltre quanto essi si prodighino sui banchi di scuola per formare ragazzi responsabili e attenti a queste così importanti tematiche”.