Marted́ 15 Ottobre11:26:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cresce il numero di verbali per le prostitute e i loro clienti: sono 180 in quattro mesi

Nel week end sanzionato un cinquantenne cesenate, l'undicesimo cliente colto sul fatto dalla Polizia Municipale

Cronaca Rimini | 13:07 - 08 Ottobre 2019 Prostituta (foto di repertorio) Prostituta (foto di repertorio).

E' di 180 verbali il bilancio dell'attività della Polizia Locale di Rimini a contrasto all'esercizio della prostituzione di strada relativamente ai quattro mesi di entrata in vigore dell'ordinanza sindacale che sanziona chi è sorpreso nel porre in essere comportamenti diretti ad offrire o concordare prestazioni sessuali a pagamento su una serie precise di strade comunali. Il provvedimento è entrato in vigore dal 20 maggio. Le ultime infrazioni sono di pochi giorni fa: nel corso dell'attività di controllo, gli agenti hanno sanzionato un cliente, un uomo di una cinquantina di anni residente nel cesenate, trovato all'interno della propria auto con una prostituta. Si tratta dell'undicesimo cliente sanzionato dalla Polizia Locale in ottemperanza all'ordinanza contingibile e urgente che sarà valida fino al 15 ottobre e che consegna numeri in crescita per quanto riguarda i verbali: lo scorso anno, nel periodo dal 15 maggio al 15 ottobre, furono infatti 145 le infrazioni contestate. Un dato che conferma l'accresciuto impegno della Polizia Locale a contrasto del fenomeno: per tutto il periodo sono stati una decina gli operatori impegnati in servizi mirati che, operando in abiti civili, hanno monitorato le vie dove maggiormente si manifesta il fenomeno, con particolare attenzione alla zona mare nel periodo estivo e alle zone più a monte nei giorni a ridosso della stagione autunnale.

"L'ordinanza contingibile e urgente a contrasto della prostituzione per il periodo estivo si conferma come uno strumento efficace per far fronte ad un fenomeno complesso e non facile da sradicare – ricorda l'assessore alla Sicurezza Jamil Sadegholvaad – Un'attività a cui anche quest'anno daremo continuità: siamo già al lavoro infatti per riproporre la nuova ordinanza sperimentata lo scorso inverno e che comporta la denuncia per chi sfrutta la prostituzione ai sensi dell'articolo 650 del Codice Penale. Nel 2018 grazie a questa ordinanza di 'nuova generazione' abbiamo ottenuto ottimi risultati in termini di deterrenza di un fenomeno criminoso, veicolo di illegalità, verso il quale l'Amministrazione, nonostante i tanti limiti normativi e le poche possibilità di azione, continuerà a far la sua parte".