Mercoledý 13 Novembre04:46:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Firmato il decreto che istituisce a tutti gli effetti la linea Metromare, Santi: rilasciato 'libretto di circolazione’

E’ l’atto che definisce il programma d’esercizio della linea

Attualità Rimini | 15:04 - 07 Ottobre 2019 Una delle fermate del 'Metromare' Una delle fermate del 'Metromare'.

Il Metromare è realtà: il presidente della Provincia di Rimini Riziero Santi ha infatti firmato il decreto che istituisce a tutti gli effetti la linea del trasporto pubblico locale conosciuto anche come Trc.
L’atto definisce il programma d’esercizio della linea, ovvero i km di percorrenza, le fasce orarie, le frequenze, il numero di corse, la suddivisione tra feriale e festivo.
Con questo atto si chiude l’iter procedurale che aveva avviato la Provincia dal momento della convocazione del Comitato di Coordinamento del TRC, svoltosi lo scorso 22 agosto.
Sono stati interpellati i Comuni interessati, PMR (in quanto società che ha realizzato l’infrastruttura), l’Agenzia della Mobilità della Romagna (a cui compete l’organizzazione e il monitoraggio del trasporto pubblico), e a valle di questo percorso si è proceduto all’approvazione dell’atto che accende il semaforo verde per l’avvio del Metromare.
Tutto ciò che è di competenza della Provincia, quindi, come da impegni formalmente e pubblicamente assunti, è stato svolto, seguendo un fitto calendario di incontri, sopralluoghi e atti amministrativi.

 
LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA RIZIERO SANTI “Quello che ho firmato è il Decreto che costituisce di fatto il Libretto di circolazione di Metromare. Si tratta dell'ultimo atto, istitutivo della linea e autorizzativo della circolazione. La tratta Rimini-Riccione è stata acquisita da Pmr in gestione da parte della Provincia che ha espletato in poche settimane, dall'incontro del Coordinamento del 22 agosto scorso, tutte le procedure necessarie a far partire il servizio. Come ho detto dall'inizio, la struttura c'è e vanno messe alle spalle tutte le polemiche e le remore e va fatta funzionare, nell'interesse del nostro territorio. Ora gli ultimi due passaggi, già programmati per l'11 e il 16 ottobre, con le riunioni di coordinamento e assemblea soci Amr per dare il via al servizio.”