Sabato 19 Ottobre12:49:05
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Forza Italia scalda i motori in vista delle Regionali: "Il centrodestra unito vince"

Si è parlato di criticità nazionali, ma anche locali: "Parcheggi all'ospedale troppo cari, Rimini Nord abbandonata dal sindaco"

Attualità Rimini | 16:43 - 06 Ottobre 2019 L'incontro di Forza Italia all'hotel Savoia L'incontro di Forza Italia all'hotel Savoia.

Forza Italia ha riunito all’Hotel Savoia il direttivo provinciale e regionale all’Hotel Savoia per fare il punto sull' attività svolta a livello nazionale e locale e per scaldare i motori in vista delle Elezioni Regionali del 26 gennaio. Hanno partecipato la ​Sen. Anna Maria Bernini e il Commissario Regionale ​Sen. Paroli​, oltre al ​sen. Antonio Barboni​, al vice commissario regionale ​Nicola Marcello​, al commissario provinciale ​Giulio Mignani​, alla Coordinatrice Reginale Seniores ​Gabriella Pezzuto ​e al capogruppo riminese ​Carlo Rufo Spina-

Il ​sen. Paroli e la Sen. Bernini hanno più volte citato l’unità del centrodestra come unica possibile formula per vincere le prossime elezioni regionali. Hanno infatti ricordato, citando ad esempio il sindaco di Bellaria - Igea Marina Filippo Giorgetti e anche le recenti vittorie in regioni confinanti, come solo il centrodestra unito rappresenti la volontà degli elettori e sia in grado di ribaltare il potere del centrosinistra che da 75 anni governa la nostra Regione. 

“​Forza Italia - ​ha aggiunto la sen. Bernini - sarà decisiva per la vittoria e per il mantenimento di un equilibrio necessario alla coalizione, equilibro garantito dalla nostra storica tradizione liberale, essendo la trazione sovranista insufficiente a produrre risultati politici concreti e governabilità".

Sono stati ascoltati ​Luigi Patera (Confarca) e ​Giuseppe Guarin​o (Unasca) che hanno lamentato il grave caos per le autoscuole che saranno costrette a versare retroattivamente l’IVA per i 5 anni fiscali passati (alcune aziende hanno già ricevuto richieste dell’Imposta per il 2014, quando tale imposizione fiscale nemmeno esisteva).  Molte scuole saranno costrette a chiudere stante l’impossibilità di recuperare l’iva da Clienti serviti anni prima e per i quali non esistono registri nominativi. Tra gli ospiti è stato ascoltato anche ​Alessandro Amadei del Comites, che riunisce gli italiani residenti all’estero, che ha denunciato le gravi difficoltà che il decreto sicurezza ha introdotto, impedendo a Cittadini Italiani di mettersi alla guida di auto straniere, tra le quali anche quelle sammarinesi, pena pesanti multe e la confisca del mezzo. Questa previsione normativa ha messo in ginocchio molte aziende del Titano che non possono più impiegare autisti italiani o mettere i propri dipendenti alla guida delle auto aziendali. 

La parola è poi passati al ​Sen. Barboni che ha relazionato sull’attività svolta in Senato: il problema relativo alle ​auto estere sarebbe stato risolto da un emendamento, a firma dello stesso Senatore, che però il precedente Governo ha bocciato prima in commissione e poi in Aula. Barboni ha già annunciato azioni correttive per risolvere questo grave problema. Sul versante ​autoscuole è stata presentata un’interpellanza da parte dell’intero gruppo di Forza Italia al Senato. Il Governo ha risposto comunicando l’intenzione di rivedere tutta la disciplina dell’IVA sulle attività didattiche con un d.d.l.. “​Non è però possibile attendere i tempi biblici dell’approvazione di una legge per intervenire, quando migliaia di aziende rischiano la chiusura per colpa di una sentenza che le costringe a pagare un’imposta retroattiva. Barboni e Bernini hanno quindi annunciato che sono già stati preparati emendamenti al prossimo Decreto   Crescita, per risolvere la questione in tempi rapidi. Il sen. Barboni ha rinnovato nuovamente il proprio impegno a sostegno di Montecopiolo e Sassofeltrio che da 12 anni attendono inutilmente che le Istituzioni accolgano la richiesta (dopo un referendum vinto) di entrare in provincia di Rimini. Questa richiesta non nasce da esigenze fiscali o strumentali ma da ben più profonde ragioni logistiche, storiche e culturali e, per rispetto della democrazia, Governo e Parlamento saranno sollecitati a dare seguito ad una chiara volontà popolare. 

L’intervento di​ Nicola Marcello​ è iniziato con la denuncia dell’abbandono dell’area di Rimini Nord da parte dell’Amministrazione che latita negli interventi che sono ormai necessari ed inderogabili. Un affondo anche sui parcheggi, in particolar modo quello dell’Ospedale, troppo caro per chi è malato o vuol far visita ad amici o parenti ricoverati. Secondo Marcello questa è una delle tante storture derivanti da un’ASL unica per la Romagna, nata per concentrare il potere e non per reali esigenze amministrative: non esisterebbe infatti l’ASL di Imola se fosse veramente necessario accorpare le varie Aziende. Ma anche parcheggiare a casa propria è carissimo: dal Comune arriveranno stangate fino a 400 euro a famiglia, con le quali l’Amministrazione punisce chi decongestiona Rimini dal traffico, parcheggiando nella sua proprietà privata. 

L’incontro, aperto e moderato dal Consigliere Spina, si è concluso con i saluti di Gabriella Pezzuto e di Giulio Mignani.  La senatrice Bernini si è poi recata a Bellaria - Igea Marina per portare un saluto a Filippo Giorgetti e a tutto il gruppo di militanti di Forza Italia, fautori di una splendida riconferma elettorale.