Giovedý 05 Dicembre15:56:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Insulta e sputa ai poliziotti, dopo aver schiaffeggiato una persona e danneggiato delle auto

Un 31enne napoletano è stato arrestato per evasione dai domiciliari e denunciato per quattro reati

Cronaca Rimini | 12:29 - 06 Ottobre 2019 Auto della Polizia (foto di repertorio) Auto della Polizia (foto di repertorio).

Notte di follia per un 33enne napoletano, residente a Miramare, che evaso dai domiciliari ha seminato lo scompiglio prima in viale Regina Elena, poi in Questura. L'uomo è stato arrestato per evasione e denunciato per danneggiamento, percosse, resistenza e ingiurie a pubblico ufficiale. La Polizia si è messo sulle sue tracce dopo aver ricevuto tre diverse segnalazioni al 112, tra l'una e quaranta e l'una e cinquanta di domenica 6 ottobre. Il primo a richiedere aiuto è stato il passeggero di un'automobile: il 33enne infatti era in mezzo alla strada, intento a prendere a calci le automobili in transito. Una seconda vettura lo ha schivato, invadendo l'altra carreggiata, poi si è fermata dopo che un calcio dell'uomo aveva fatto saltare lo specchietto. Il napoletano ha aperto lo sportello e schiaffeggiato con vigore l'automobilista. 


Le ricerche della Polizia


La Squadra Volante, giunta sul posto, ha rintracciato in poco tempo il 33enne, che indossava una vistosa camicia a quadri. Portato in Questura, è stato immediatamente arrestato per evasione: doveva trovarsi nella sua abitazione di Miramare, a scontare i domiciliari. Già aveva alle spalle un precedente arresto per lo stesso reato. Il 33enne, molto agitato, è stato portato nella camera di sicurezza. Qui prima ha tentato di soffocarsi con le coperte, salvato dal pronto intervento di un agente; poi ha dato nuovamente in escandescenze, sputando due volte contro un poliziotto, iniziando poi a proferire pesanti ingiurie e minacce. Alle denunce per danneggiamenti e percosse, si è aggiunto così quella per resistenza e ingiurie a pubblico ufficiale.