Gioved 17 Ottobre08:12:07
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Crocifissi posti all'ingresso delle scuole, la protesta degli attivisti di estrema destra

Nel mirino le dichiarazioni del nuovo ministro dell'Istruzione: "Vogliono cancellare la nostra identità"

Attualità Rimini | 12:36 - 05 Ottobre 2019 Uno dei crocifissi posti all'ingresso di alcune scuole riminesi Uno dei crocifissi posti all'ingresso di alcune scuole riminesi.

Croci di legno poste all'ingresso degli istituti scolastici di Rimini e al Rino Molari di Santarcangelo di Romagna, per ribadire quanto il crocifisso a scuola sia indispensabile all'interno delle classi, quale simbolo della tradizione culturale-religiosa italiana, nonché per rispondere alle opinioni del nuovo ministro dell'Istruzione. Azione dimostrativa degli attivisti di estrema destra di Lotta Studentesca che attaccano: "Gli studenti italiani sono dalla nostra parte e con loro daremo vita a forme di protesta radicali. Non vincerà mai l'Italia dei Fioramonti, Zingaretti, Cirinnà o della sinistra varia che vuole cancellare la nostra identità, prima riempiendoci le classi di stranieri e poi rimuovendo i crocifissi".