Mercoled 16 Ottobre02:12:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio, Cioffi: 'Se temo l'esonero? Ho la coscienza a posto. Ora tiriamo fuori gli attributi'

Scotti: "E' vero, sul primo gol potevo fare di più. Non credo alla sfortuna, dobbiamo metterci di più noi'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 22:41 - 06 Ottobre 2019 Francesco Scotti in conferenza stampa (in gallery Van Ransbeeck e mister Fresco) Francesco Scotti in conferenza stampa (in gallery Van Ransbeeck e mister Fresco).

“Se mi sento a rischio? L’allenatore è sempre a rischio. Mi sento tranquillo con la mia coscienza perché ho dato sempre il massimo. Valuterà la società il da farsi. Io ho le spalle forti”. Così mister Renato Cioffi alla fine della conferenza stampa del post partita alla domanda inevitabile vista la situazione di classifica precaria e la china che ha preso il Rimini: quattro sconfitte e un pareggio negli ultimi cinque turni e una classifica che parla di terzultimo posto in compagnia del Gubbio (per la cronaca notati in tribuna Cuttone, Antonioli e Cevoli). Non solo. Nuove amnesie ed errori, nervosimo e anche una qualità di gioco che si è smarrita.
In precedenza, il tecnico si è assunto le responsabilità del grave ko interno con la Virtus Verona, tutta un'altra squadra da quella che è retrocessa ai playout proprio contro il Rimini nella stagione scorsa, ma nello stesso tempo si è detto fiducioso sulla riscossa. “Dobbiamo leccarci le ferite e ripartire ancora più forti – cerca di dare coraggio il tecnico – mi rendo conto che è difficile, ma so che possiamo farcela. Ancora una volta paghiamo errori dei singoli, è il segno che mentalmente sentiamo il peso dei punti da fare, la ricerca del risultato ci sta condizionando. Dopo il pareggio ero convinto di vincere, la squadra era sul pezzo, poi è arrivato l’1-1 nato un errore da una azione di fallo laterale. Non mi arrendo anche se oggi tutto può sembrare difficile, del resto più in basso di così non possiamo andare. Io credo che la squadra, a cui non posso rimproverare nulla sotto il profilo dell’impegno,  abbia gli attributi e questo è il momento di tirarli fuori. Mi dispiace per la gente, i tifosi, per il presidente Grassi che aveva dato il via libera per giocare con la squadra over”.
Già, gli under. Il Rimini non solo non ha preso punti ma ci ha rimesso un’altra manciata di milioni, segno che poi non è tutta colpa degli under se non si fa risultato.
Il portiere Francesco Scotti è critico e fa mea culpa: “Sul primo gol potevo fare meglio, in generale dico che non siamo quelli delle prime tre partite. Non credo alla sfortuna che ho sentito chiamare in causa in questi giorni, la verità è che ci dobbiamo mettere qualcosa in più noi per non ritrivarsdi nella condizione della stagione scorsa”.
Da parte sua Kennet Van Rasbeeck spiega la espulsione a suo dire ingiusta: “A Manfrin ho detto di accelerare i tempi, si stava perdendo tempo, non ho detto nulla di offensivo, ma l’arbitro mi ha ammonito ed è scattato il rosso. Io credo che il Rimini abbia le qualità tecniche per rialzarsi: potremo uscire tutti insieme da questa situazione se tutti insieme daremo di più: il margine per farlo c’è. Dobbiamo credere in noi stessi e i risultati arriveranno".
ste.fe.

ASCOLTA L'AUDIO