Giovedý 12 Dicembre10:23:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Valconca, le "Case di valle" raddoppiano ed entrano altri quattro comuni

L'obiettivo è fare della Valconca un prodotto turistico efficace e a tutto tondo

Attualità Valconca | 12:14 - 03 Ottobre 2019 Valconca, le "Case di valle" raddoppiano ed entrano altri quattro comuni

Presentato alla Regione Emilia Romagna, nell’ambito della L.R. 41 declinata sulla promozione degli spazi identitari del territorio, delle attività e delle risorse ad esso afferenti, il percorso per il completamento del progetto delle “Case di Valle” della Valconca ora circoscritto a soli 4 Comuni aderenti all’Unione: Gemmano, Morciano di Romagna, Saludecio e San Clemente



“L’atto specifico - spiega il Presidente dell’Unione della Valconca, Elena Castellari - prevede l’inclusione dei restanti 4 Comuni (Mondaino, Montefiore Conca, Montescudo-Montecolombo, Montegridolfo) non senza spingere l’orizzonte delle possibilità verso un futuro coinvolgimento di altre comunità collinari e della vicina Riviera”.

“Qual è l’obiettivo complessivo? Puntiamo - dice Castellari - a fare della Valconca un prodotto turistico efficace e a tutto tondo, svincolandoci da quella che può risultare l’ennesima operazione di ‘marchio territoriale’; adottando un reale patrimonio di offerte mirate alle singole Case di Valle e al sistema Valconca nella sua interezza. Vogliamo - siamo noi i fortunati depositari dell’enorme ricchezza storica, culturale, enogastronomica, ambientale - unire le peculiarità e suscitare l’attenzione del mercato in maniera più forte ed incisiva. Le proposte saranno differenziate ed elaborate (leggi temi e fasce di riferimento) in affiancamento ai vari soggetti, pubblici-privati, già impegnati in ben riconosciute azioni di promo-commercializzazione. 



Altro tassello fondamentale sarà l’avvio della struttura di coordinamento nonché la contemporanea individuazione-formazione degli operatori destinati alla gestione concreta della Case”.



“Per garantire efficacia all’insieme delle Case di Valle - aggiunge Castellari - dovremo impegnarci poi nella costruzione di una rete di rapporti e relazioni (vedi Regione, Destinazione Romagna, GAL, Provincia di Rimini, Camera di Commercio) utili ad inserire le nostre Case in quello che oggi costituisce/rappresenta il circuito della promozione turistica di respiro regionale e nazionale. L’intento è arrivare a ritagliarsi uno spazio ad hoc, rivestendo il ruolo di coordinatori-referenti per tutta la Valconca”.



Nel dettaglio, la ‘scaletta’ degli interventi da approntare nel biennio 2020-2021 evidenzia la partecipazione alle fiere di settore e generaliste, l’organizzazione degli educational, momenti congressuali, attività promozionali più concentrate sulla costa. A supportare il sistema Case di Valle-Valconca contribuirà inoltre un piano di comunicazione modulato sia sui canali web-social, sia attraverso la produzione del materiale cartaceo, sia tramite iniziative di contatto diretto.