Giovedý 12 Dicembre10:32:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione, al via il cantiere per l’ampliamento della scuola di via Capri

Saranno realizzate dieci nuove aule, una nuova mensa e una biblioteca. La palestra avrà capienza di 150 spettatori

Attualità Riccione | 13:32 - 01 Ottobre 2019 Il cantiere nel quartiere Fontanelle di Riccione Il cantiere nel quartiere Fontanelle di Riccione.

Via libera a Riccione, con l’apertura odierna del cantiere, ai lavori di ampliamento della scuola elementare “Fontanelle” di via Capri.  Sarà la “ Paolo Beltrami Costruzioni S.p.A. l’impresa incaricata ad eseguire gli interventi di ampliamento del plesso con la costruzione di una nuova ala, la realizzazione di 10 nuove aule per un totale di 25, una nuove mensa e una biblioteca. L’intervento di nuova costruzione riguarda una superficie lorda totale, dislocata in due livelli di circa 3.000 mtq, di cui circa 2.160 mtq al piano terra e circa 800 mtq al primo piano. La palestra, potrà essere utilizzata al di fuori degli orari scolastici, grazie ad un accesso esterno al plesso scolastico dove poter svolgere partite di basket e di pallavolo secondo le normative sportive vigenti con tribune dalla capienza di 150 spettatori, spogliatoi e servizi.
 
La scelta dei materiali è avvenuta secondo il criterio di ridurre gli interventi di manutenzione nel tempo e di favorire il contenimento energetico. Le aule avranno pareti in gran parte costituite da vetrate per garantire la massima illuminazione naturale. La scuola così riqualificata sarà predisposta a favore degli alunni portatori di disabilità.
 
“ Procediamo come da tabella di marcia  - dichiara l’assessore ai lavori pubblici Lea Ermeti - nella grande operazione di rinnovo dei plessi scolastici cittadini. Con la cantierizzazione odierna della scuola elementare di via Capri, i massicci lavori di ampliamento previsti, quali nuove classi e nuovi servizi, concretizziamo un obiettivo di legislatura. Riqualificazione energetica ed urbanistica, plessi nuovi e innovativi, il nostro programma è stato chiaro fin da subito, lasciare alla città un patrimonio scolastico estremamente sicuro, rinnovato e tecnologicamente avanzato”.