Luned́ 18 Novembre11:17:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Chiude con 3.000 presenze il Bellaria Film Festival, in gara 22 documentari internazionali e italiani

Il Premio alla carriera a Vincenzo Cerami, ricordato in un esclusivo videomessaggio da Roberto Benigni

Attualità Bellaria Igea Marina | 14:28 - 30 Settembre 2019 Roberto Benigni e Vincenzo Cerami Roberto Benigni e Vincenzo Cerami.

Si è chiusa con 3.000 presenze la 37/a edizione del Bellaria Film Festival diretto per il secondo anno consecutivo da Marcello Corvino. La kermesse ha visto in gara 22 documentari italiani e internazionali, selezionati tra 1.100 candidature, con un omaggio allo sceneggiatore Vincenzo Cerami a cui è stato dedicato il Premio alla carriera.
A vincere il concorso 'Bei Doc' dedicato ai documentari di qualsiasi formato con durata massima 90 minuti 'Qualcosa rimane' Francesco D'Ascenzo, di Termoli, mentre il 'Bei Young Doc' dedicato ai documentaristi under 30 ha visto primeggiare 'Noi' della romana Benedetta Valabrega. A 'Qualcosa rimane', inoltre è andato anche il Premio Luis Bacalov scelto dal pubblico per premiare il documentario con la migliore colonna sonora.
I riconoscimenti sono stati assegnati dalla Giuria internazionale presieduta da Moni Ovadia. Il Premio alla
carriera è stato dedicato a Vincenzo Cerami, scrittore, sceneggiatore e drammaturgo scomparso nel 2013, candidato agli Oscar per la sceneggiatura di 'La vita è bella' di Roberto Benigni che ha ricordato l'amico e collega con un videomessaggio realizzato in esclusiva per il festival. Al musicista e compositore Nicola Piovani è stato consegnato il premio