Mercoledý 13 Novembre04:35:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Crescono le imprese sportive a Rimini e in Romagna: ci riconfermiamo un territorio attivo e con tante opportunità

In testa chi gestisce impianti sportivi e chi si occupa di promozione

Attualità Rimini | 14:07 - 30 Settembre 2019 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Con la conclusione della settimana europea dello sport, la camera di commercio della Romagna (Rimini e Forlì-Cesena) diffonde i dati relativi all’attività delle imprese sportive nel territorio al 30 giugno. Il comparto in generale sta crescendo, soprattutto grazie agli investimenti nella gestione degli impianti e nella promozione delle attività sportive.
Qualche dato A metà 2019 in provincia di Rimini le imprese sportive attive risultano essere 206 (189 nello stesso periodo dell’anno precedente): 67 enti e organizzazioni sportive e di promozione di eventi sportivi (32,5%), 56 club sportivi (27,2%), 42 attività di gestione di impianti sportivi (20,4%) e 41 palestre (19,9%).

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso si registra un incremento delle imprese sportive attive del 3,5% (+3,5% anche in Emilia-Romagna, +4,6% in Italia), grazie soprattutto all’aumento delle attività di gestione di impianti sportivi (+7,7%) e delle organizzazioni sportive e di promozione dei relativi eventi (+6,3%); variazione positiva, pur inferiore, anche per le palestre (+5,1%) mentre calano i club sportivi (-3,4%).
Nel medio periodo si rileva una crescita ancora più sostenuta pari al 9,0%. Nel dettaglio, le imprese sportive hanno un’incidenza, sul totale delle imprese attive, dello 0,6%, sostanzialmente in linea con il dato dell’Emilia-Romagna (0,5%) e superiore a quello dell’Italia (0,4%); confrontando le incidenze delle province regionali, Rimini raggiunge un ottimo risultato, posizionandosi al terzo posto, dietro a Reggio Emilia e Ferrara (entrambe 0,7%). Un dato di “colore”: l’11,7% delle imprese sportive (24 unità su 206) è un’impresa femminile, il 7,3% un’impresa giovanile (15 unità) mentre il 3,9% risulta essere gestito prevalentemente da stranieri (8 unità).

In ultimo, analizzando sinteticamente la distribuzione delle imprese sportive sul territorio provinciale, si evidenzia come ben il 47,6% di queste si concentra nel grande centro di Rimini; buona anche la presenza nel comune di Riccione (13,1%) mentre tra gli altri spiccano Bellaria Igea Marina, Misano Adriatico e Santarcangelo di Romagna (6,8% per ciascuno), Cattolica (5,3%) e Verucchio (2,4%) 

«Lo sport è molto importante per il nostro Paese e per il nostro territorio», dichiara Alberto Zambianchi, presidente della Camera di commercio della Romagna, «non solo per il benessere fisico della persona ma anche in termini prettamente economici. Infatti, da un lato, ha ricadute positive nel settore turistico, rendendo i territori più attrattivi, con le tutte opportunità offerte dagli spostamenti di atleti e spettatori negli eventi sportivi, come quelli internazionali organizzati in Riviera. Dall’altro lato, è in grado di incrementare il commercio, con l’indotto creato da chi pratica attività sportiva. Lo sport e uno stile di vita sano, infine, ben si inquadrano nei grandi temi del buon vivere e del wellness che i nostri Territori stanno portando avanti con successo da diversi anni».