Giovedý 12 Dicembre11:01:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Prima fidanzato violento, poi stalker: "Ti sfiguro con l'acido". Vittima una ventenne riminese

Ai domiciliari un 36enne di Campobasso, rintracciato dalla Polizia mentre stava scappando in Sudamerica

Cronaca Rimini | 12:29 - 27 Settembre 2019 Un arresto, foto di repertorio Un arresto, foto di repertorio.

Percosse, insulti e minacce, poi, una volta interrotta la relazione, i pedinamenti e nuovi atti persecutori. Una ventenne riminese è stata vittima della gelosia, della rabbia e dell'atteggiamento violento del suo ex fidanzato, un 36enne di Campobasso, da ieri (giovedì 26 settembre) ai domiciliari per maltrattamenti, atti persecutori e lesioni. La Polizia lo ha rintracciato a Milano, notificandogli l'ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari. Il giovane era in partenza per il Sudamerica ed è stata fondamentale la collaborazione tra le Questure di Rimini e Milano per rintracciarlo e fermarlo. La sua ex aveva presentato denuncia il 16 settembre, integrandola tre giorni dopo. 


Maltrattamenti e atti persecutori


Per la ventenne la relazione con il giovane molisano era diventata una prigione, un incubo caratterizzato da uno stato di ansia perdurante e di timore. Secondo quanto denunciato da lei stessa, lui la picchiava con schiaffi e pugni, le stringeva il collo con forza, la colpiva fisicamente e psicologicamente; la minacciava di morte o di sfigurarla con l'acido, la denigrava e la insultava. Quando la ventenne decise di rompere la relazione, il 36enne iniziò a mettere in atto pedinamenti, per poi assumere gli stessi atteggiamenti violenti.