Marted 15 Ottobre09:24:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO L’onda verde: una marea di giovani in centro a Rimini per il clima

Qualche disagio alla circolazione per la grande partecipazione dei ragazzi di tutte le età

Attualità Rimini | 11:45 - 27 Settembre 2019

Il movimento dei giovani per il clima Fridays For Future, che ha organizzato il terzo sciopero globale del clima, ha coinvolto in Italia oltre 160 città.
Venerdì mattina tantissimi studenti di tutte le età hanno percorso Rimini dal centro studi Colonnella verso il centro, raccogliendo strada facendo i rifiuti e alzando la voce per richiamare l'attenzione sull'emergenza climatica. Il corteo è partito verso le 9 in zona Colonnella e ha raggiunto piazza Cavour verso le 11. Non pochi i disagi alla circolazione segnalati, dovuti alla massiccia presenza dei ragazzi che hanno aderito alla manifestazione.


La nota degli organizzatori


In occasione del terzo sciopero globale per il clima gli studenti si mobilitano ancora una volta con una richiesta ben precisa: agire subito, cambiare il sistema per fermare il disastro climatico.

“Siamo stanchi di sentirci dire che siamo bravi e abbiamo ragione, non è questo ciò che vogliamo! Non ci interessano i ringraziamenti, gli applausi, ma un cambiamento reale. Ogni giorno l’emergenza ambientale e i cambiamenti climatici sono sempre più evidenti e noi non siamo più disposti ad accontentarci del vuoto compiacimento della politica. ” dichiara Francesco Martinelli, Coordinatore Regionale della Rete degli Studenti dell’Emilia-Romagna.

“Si tratta di una crisi globale, che riguarda tutti e per questo non può essere ignorata. Viviamo in un sistema folle ed iniquo, basato sullo sfruttamento di risorse ambientali e del lavoro in cui pochissimi si arricchiscono sulla pelle di tanti, distruggendo giorno dopo giorno il nostro pianeta. Questo non può continuare, cambiamo il sistema: ora.”.

Dopo la sorprendente partecipazione alle prime due manifestazioni, gli studenti tornano in piazza, forti anche del sostegno ricevuto dal Ministero dell’Istruzione.

“Oggi siamo decine di migliaia solo in Emilia-Romagna e questa settimana si sono mobilitate milioni di persone in tutto il mondo. Questo terzo sciopero sarà decisivo, speriamo, per ottenere risposte concrete e non più solo promesse” conclude Martinelli, “Abbiamo pochissimo tempo a disposizione per cambiare ma siamo pronti a lottare per farlo. Chiediamo agli insegnanti, ai presidi, alle organizzazioni sociali e alle istituzioni di essere al nostro fianco.”


La nota del Comune di Rimini


Tra gli striscioni più applauditi dalla piazza riminese che si è mobilitata questa mattina per il Friday For Future  c'era quello semplice, allegro e colorato portato dalle piccole mani dei 52 bimbi della scuola di infanzia comunale La Rondine.  Accompagnati da maestre e genitori sono stati i più piccoli tra le migliaia di studenti che si sono dati appuntamento insieme ad associazioni, i circoli, i gruppi e i movimenti per il terzo sciopero globale del clima. I protagonisti sono proprio stati loro, i giovani delle scuole di ogni ordine e grado, che hanno ricordato dal palco l'importanza di un futuro sostenibile, l'allarme per l'emergenza climatica e le proposte per un cambiamento immediato. Gli interventi sono stati intervallati da momenti musicali proposti dalla classi musicali della scuola media Dante Alighieri. A 'scendere in piazza', c'erano informalmente anche amministratori comunali: il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi, la vice sindaco Gloria Lisi, l'assessore all'Ambiente Anna Montini, l'assessore ai servizi educativi Mattia Morolli, che hanno incontrato tanti studenti e partecipato attivamente alle varie fasi della manifestazione.