Mercoledý 13 Novembre04:36:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il Comune di Morciano si riappropria degli uffici dell'Unione Comuni della Valconca 

Trovato l'accordo con l'ente: gli uffici saranno trasferiti entro il 31 marzo 2020

Attualità Rimini | 12:42 - 26 Settembre 2019 I sindaci Giorgio Ciotti (Morciano) ed Elena Castellari (Montescudo Monte Colombo) I sindaci Giorgio Ciotti (Morciano) ed Elena Castellari (Montescudo Monte Colombo).

Raggiunto e sottoscritto l’accordo tra il presidente Elena Castellari e il sindaco Giorgio Ciotti, per il rilascio degli immobili di proprietà del Comune di Morciano di Romagna che attualmente ospitano gli uffici dell’Unione della Valconca. 

Le sedi dell’Unione, oggi disposte al piano terra dell’edificio di Via Colombari e all’interno dello stabile di Via Santa Maria Maddalena - qui è collocato il comando della Polizia Locale - saranno trasferite entro il 31 marzo 2020, stante la volontà espressa dal Comune di Morciano di rientrare in possesso degli spazi per finalità istituzionali. 

“Sono molto soddisfatta per la definizione dell’intesa - dice il Presidente, Elena Castellari - frutto di un reale clima collaborativo poiché va a determinare un percorso condiviso da entrambe le Amministrazioni senza la necessità di affidarsi ad un nuovo contenzioso legale. Si è arrivati a questo risultato dopo una serie d’incontri promossi con tutti i Sindaci dell’Unione (e con la Prefettura), ai quali è stato illustrato il contenuto dell’accordo e che ora attendono di conoscere in dettaglio le opzioni già disponibili al trasloco previsto agli inizi della prossima primavera. Da parte nostra faremo fronte agli ultimi adempimenti contemplati dai contratti di comodato e poi ci concentreremo sull’individuazione della sede, anche sulla base di alcuni importanti criteri oggettivi a facilitazione e beneficio dell’utenza”. 

L’accordo tra l’Unione della Valconca ed il Comune di Morciano di Romagna è stato altresì trasmesso al Tribunale di Rimini e alla Prefettura di Rimini superando nei fatti la comparizione delle parti davanti al giudice civile fissata per il 25 settembre.