Giovedý 17 Ottobre08:56:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

In trasferta a Rimini per rubare nelle case: fermati dopo un inseguimento

Oltre a essere topi di appartamento, erano anche truffatori: con tesserino falso da Carabinieri e tecnici del gas

Cronaca Rimini | 14:41 - 25 Settembre 2019 Auto Polizia (foto di repertorio) Auto Polizia (foto di repertorio).

La Polizia ha fermato e denunciato un 59enne di Torino e un 49enne di Cuneo, in trasferta a Rimini con l'obiettivo di effettuare furti in appartamento. I fatti sono avvenuti martedì 24 settembre. Una pattuglia della squadra Volante ha iniziato l'inseguimento di un'automobile Mazda vista sfrecciare a forte velocità lungo la via Flaminia. Accortosi di essere seguito, il conducente della vettura ha aumentato la velocità, effettuando diverse manovre pericolose che solo per caso non hanno causato gravi incidenti. La Mazda ha bruciato un semaforo rosso a un incrocio, ha percorso una via contromano prima di finire in un vicolo cieco: il 49enne e il 59enne hanno proseguito la loro fuga a piedi, prima di essere fermati, come il terzo complice, che però è riuscito a dileguarsi. La Polizia ha poi recuperato, dal cortile di un'abitazione, un sacchettino con sette monete fuori corso, monili in oro e due orologi oltre che ad una tessera di ricoscimento da carabiniere e un tesserino da dipendente Italgas, entrambi palesamenti falsi. Il sacchetto era stato gettato da uno dei fuggitivi. All'interno della Mazda gli agenti hanno rinvenuto tre radio trasmittenti portatili, un rilevatore di metalli e due targhe adesive contraffatte, materiale tutto posto sotto sequestro. In Questura il 59enne e il 49enne hanno ammesso di essere topi di appartamento. Oltre alla denuncia, è scattato anche il foglio di via obbligatorio da Rimini per tre anni.