Luned 14 Ottobre01:05:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Rimini convegno sugli errori giudiziari e l'ingiusta detenzione

L'incontro a ingresso libero è in programma venerdì pomeriggio al Teatro degli Atti

Attualità Rimini | 20:57 - 24 Settembre 2019 Nell'ultimo anno le istanze di riparazione presentate, sono state poco meno di mille Nell'ultimo anno le istanze di riparazione presentate, sono state poco meno di mille.

Secondo i dati diffusi dal ministero della Giustizia, nell'ultimo anno le istanze di riparazione presentate, sono state poco meno di mille, con una spesa complessiva di 23 milioni di euro. A fronte di palesi errori giudiziari, dunque, chi li subisce, spesso reagisce con rassegnazione. Sarà questo il tema al centro del convegno 'L'errore giudiziario e l'ingiusta detenzione: il rovescio del diritto' organizzato dalla Camera penale e dall'Ordine degli avvocati di Rimini, in programma venerdì pomeriggio (dalle 14.30 alle 18.30) al Teatro degli Atti. Nel corso dell'incontro, a ingresso libero, verrà proiettato il film documentario 'Non voltarti indietro', promosso dall'associazione ErroriGiudiziari.com. Interverrà, tra gli altri, uno degli autori, il giornalista Valentino Maimone. Con lui anche la co-responsabile dell'Osservatorio sull'errore giudiziario dell'Unione delle Camere penali italiane, Alessandra Palma; il dirigente d'azienda Mario Rossetti, vittima innocente - da incensurato - di un calvario durato più di cento giorni nelle celle di San Vittore prima e Rebibbia poi e proseguito per altri otto mesi ai domiciliari per una vicenda alla quale era completamente estraneo. Animeranno il dibattito, aperto al contributo dei presenti, Giovanni Rossi, presidente dell'Ordine dei giornalisti dell'Emilia Romagna, il giornalista di cronaca giudiziaria Andrea Rossini, gli avvocati Roberto Brancaleoni, presidente dell'Ordine degli avvocati di Rimini, Alessandro Sarti, presidente della Camera penale di Rimini, Luigi Renni, responsabile della formazione della Camera penale di Rimini. L'Unione delle camere penali attraverso l'osservatorio sull'errore giudiziario ha in progetto di procedere alla creazione di una vera e propria banca dati dei casi di mala-giustizia.