Luned 14 Ottobre01:06:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, lotta ai furbetti delle case popolari: individuate alcune posizioni sospette

Anche per il prossimo bando di assegnazione degli alloggi ci sarà un controllo incrociato delle diverse banche dati

Attualità Rimini | 15:43 - 24 Settembre 2019 Controlli della Guardia di Finanza Controlli della Guardia di Finanza.

Controlli potenziati, da parte del Comune di Rimini, in merito al prossimo bando per l'assegnazione degli alloggi in edilizia residenziale pubblica, a seguito della firma di un protocollo con la Guardia di Finanza. Ogni domanda sarà sottoposta a un controllo incrociato delle diverse banche dati (anagrafiche, reddituali e patrimoniali) per individuare casi sospetti e segnalarli alla Finanza e ovviamente assicurare gli alloggi solo a chi ne ha diritto. "L'obiettivo del protocollo è quello di rafforzare e potenziare le modalità e gli strumenti di controllo su redditi e patrimoni di coloro che hanno ottenuto in affitto un alloggio di Edilizia residenziale pubblica", spiega il vicesindaco Gloria Lisi.

Il procedimento è stato avviato anche su tutti gli assegnatari degli alloggi o contributi pubblici di welfare. Obiettivo individuare e colpire i furbetti delle case popolari e degli assegni, in modo tale da "recuperare da loro quanto ingiustamente ricevuto per ridistribuirlo a chi ne ha effettivamente diritto e bisogno", evidenzia il vicesindaco Lisi. Sono già state individuate alcune situazioni sospette, al vaglio degli uffici.