Mercoledý 16 Ottobre02:07:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Attenzione al Buscopan, Zantac e Ranidil: farmaci ritirati per sospette impurità cancerogene

Anche San Marino si adegua alla decisione dell'agenzia italiana del farmaco, stop ai medicinali con ranitidina

Attualità Repubblica San Marino | 13:52 - 24 Settembre 2019 Farmaci generica Farmaci generica.

A seguito di comunicazione da parte dell’Aifa, l’agenzia italiana del farmaco, anche l’Istituto per la Sicurezza Sociale di San Marino ha provveduto al ritiro dei medicinali contenenti il principio attivo  ranitidina. L’elenco diffuso dall’Aifa contiene 516 lotti di vari farmaci: dal Raniben in compresse a Ulcex in compresse, e ancora Ranitidina Eg 300 mg, Ranibloc, Buscopan antiacido, compresse effervescenti da 75 mg, di cui sono 12 i lotti da non utilizzare. E poi lo Zentiva, lo Zantac, l’Hexal iniettabile, il Ranidil in fiale, compresse e sciroppo.

Le motivazioni delle disposizioni adottate dall’Aifa riguardano la presenza, in alcuni lotti prodotti presso l’officina farmaceutica Saraca Laboratories - India, di un particolare tipo di impurità, appartenente alla classe delle nitrosamine. Si tratta di una misura adottata secondo il principio di precauzione, in quanto tale sostanza è ritenuta potenzialmente dannosa. Il divieto di utilizzo e commercializzazione riguarda i medicinali contenenti ranitidina prodotti anche da altre officine farmaceutiche diverse da Saraca Laboratories, in attesa che vengano analizzati.

Il Servizio Farmaceutico dell’ISS si è subito adoperato per il ritiro del medicinale da tutte le farmacie della Repubblica, dando anche comunicazione ai Medici di Medicina Generale già nel fine settimana scorso. Si tratta di provvedimenti già adottati anche da altri paesi dell’Unione Europea e anche Extra Ue..

Per coloro che fossero in trattamento con tale farmaco, si raccomanda di non sospendere il trattamento, ma di contattare il prima possibile il proprio medico per concordare un trattamento alternativo.
Anche per chi lo utilizzasse come farmaco di automedicazione, l’invito è a rivolgersi al proprio medico o al farmacista per farsi consigliare un farmaco alternativo.