Luned 14 Ottobre01:58:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pensionato "liquidato" dalle Poste con metà delle somme che gli spettavano: fa ricorso e vince

Il riminese aveva dei buoni postali fruttiferi. Si è rivolto alla Lega Consumatori

Attualità Rimini | 12:26 - 21 Settembre 2019 Ufficio postale Ufficio postale.

Lega Consumatori di Rimini recupera i risparmi di un anziano riminese, titolare di buoni postali fruttiferi di durata trentennale e appartenenti alla serie "P/Q". Al momento di riscuotere il capitale e gli interessi maturati, il pensionato si vedeva offrire da una filiale della provincia di Rimini di Poste Italiane una somma pari a circa la metà rispetto a quella che sarebbe derivata dall'applicazione delle condizioni riportate nella tabella presente sul retro del buono. Erano i risparmi della famiglia sui quali aveva fatto affidamento. 
Non volendo arrendersi al rifiuto di Poste di corrispondere il dovuto, il pensionato si rivolgeva alla Lega Consumatori Acli di Rimini per comprendere se si trattasse di un torto o se avesse dovuto dimenticare buona parte di quelle somme.

Lega Consumatori, con il patrocinio degli avvocati Emanuele Magnani e Chiara Semprini, ha dapprima inviato un reclamo, e successivamente, davanti al diniego di Poste, proposto i ricorsi dinnanzi all'Arbitrato Bancario Finanziario di Bologna che ha accolto le tesi dei legali, confermando e definendo le modalità attraverso cui debbono avvenire i rimborsi dei buoni postali fruttiferi appartenenti alla serie "P/Q", sottoscritti successivamente all'anno 1986. Viene stabilito infatti che in relazione ai buoni sottoscritti posteriormente al D.M. del Tesoro 13 giugno 1986 c.d. "Gava – Goria" (modificativo dei saggi di interesse sui libretti e sui buoni postali di risparmio), il risparmiatore ha diritto di incassare il rendimento secondo le condizioni riportate originariamente nella tabella dietro il buono.

Così facendo, il Collegio ha voluto tutelare il legittimo affidamento del risparmiatore formatosi al momento dell'acquisto del buono, affermando che "il vincolo contrattuale tra emittente e sottoscrittore dei titoli... si forma... sulla base dei dati risultanti dal testo dei buoni di volta in volta sottoscritti".

Lega Consumatori Rimini Acli invita chi è in possesso dei buoni postali fruttiferi, a verificare la propria posizione, anche attraverso i propri sportelli. Per info: tel. 0541 784193, info@legaconsumatoririmini.it