Venerd 18 Ottobre09:54:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cattolica pronta ad entrare alla rete dei comuni virtuosi d'Italia: la candidatura è stata accettata

Il sindaco Mariano Gennari nel frattempo siede al tavolo del G20S, summit delle località costiere

Attualità Cattolica | 16:06 - 18 Settembre 2019 Cattolica presto comune virtuoso certificato Cattolica presto comune virtuoso certificato.

Prosegue l'impegno dell'amministrazione comunale di Cattolica a favore di politiche ambientali. Così mentre il sindaco Mariano Gennari è impegnato al vertice del G20S, il summit delle località costiere che si sta svolgendo a Castiglione della Pescaia (Grosseto), la regina dell'Adriatico si prepara ad aderire all'associazione nazionale dei comuni virtuosi.

A firma della presidente Elena Carletti, è giunta la comunicazione con cui si informa il primo cittadino di Cattolica che «il comitato direttivo ha accolto la richiesta di adesione del comune all’associazione. Questo dopo la presa visione del modulo di richiesta inviato, e un’attenta valutazione dei progetti in esso contenuti, attuati dal Suo comune, in sintonia con le linee guida del nostro statuto ed i valori contenuti nel nostro manifesto». 
 
L'adesione formale dovrà essere ratificata dopo i passaggi burocratici in consiglio comunale. «La nostra sfida ci impegna nelle azioni di miglioramento continuo e duraturo nel tempo verso la sostenibilità ambientale come impegno per le nuove generazioni», sottolinea il sindaco Gennari.
 
L’associazione nazionale dei Comuni virtuosi è una rete di enti locali che opera a favore di una armoniosa e sostenibile gestione dei propri Territori, diffondendo verso i cittadini nuove consapevolezze e stili di vita all’insegna della sostenibilità, sperimentando buone pratiche attraverso l’attuazione di progetti concreti, ed economicamente vantaggiosi, legati alla gestione del territorio, all’efficienza e al risparmio energetico, a nuovi stili di vita e alla partecipazione attiva dei cittadini. L’Associazione nasce nel maggio del 2005, nella sala consiliare di Vezzano Ligure, su iniziativa di quattro comuni: Monsano (AN), Colorno (PR), Vezzano Ligure (SP) e Melpignano (LE).