Marted́ 15 Ottobre22:30:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, inaugurata nuova struttura per accoglienza di neo diciottenni senza famiglia

Sono ospitati quattro ragazzi, mentre due ragazze sono accolte in un altro appartamento, in via Borgatti

Attualità Rimini | 17:42 - 17 Settembre 2019 Inaugurazione della nuova casa della Fondazione San Giuseppe Inaugurazione della nuova casa della Fondazione San Giuseppe.

Questa mattina (martedì 17 settembre) alle 11.00 la Fondazione San Giuseppe per l’aiuto materno e infantile di Rimini ha inaugurato un appartamento dedicato a neo maggiorenni. La struttura di viale Valturio, di proprieta della Fondazione, accoglie ragazzi che hanno appena compiuto 18 anni e che trovandosi in condizione di fragilita per la mancanza di legami parentali o fragilita sociali, necessitano di un supporto prima di diventare completamente autonomi.  Nel dettaglio sono ospitati quattro ragazzi, mentre due ragazze sono accolte in un altro appartamento, in via Borgatti, dove è presente una comunità educativa della fondazione.

Erano presenti: Gloria Lisi, Vicesindaco e Assessore alla protezione sociale, sanità, organizzazione e personale, politiche di genere e della casa del Comune di Rimini che ha ringraziato tutti i partecipanti, incitando il lavoro che ognuno svolge con impegno in attivita di integrazione sociale rivolta a chi vive in condizione di marginalita e difficolta ; Don Maurizio Fabbri, Vicario della Diocesi di Rimini, che da tempo accompagna le riflessioni all’interno del Consorzio Mosaico; Linda Gemmani, Presidente Fondazione Carim che ha ricordato la vicinanza che Cassa di Risparmio prima e Fondazione Carim poi, hanno da sempre con il lavoro della Fondazione San Giuseppe; gli onori di casa sono invece stati fatti da Paola Benzi, Presidente Fondazione San Giuseppe, che ha ringraziato i partecipanti, ricordando il ruolo fondamentale di Fondazione Carim nel sostenere il progetto.

Diverse sono state le realta del territorio che hanno partecipato all’inaugurazione, in particolare quelle aderenti al Consorzio Mosaico, l’ Associazione Papa Giovanni XXII, il Centro di Solidarieta di Rimini e l’ Associazione Agevolando Rimini a testimonianza che e la rete sociale fra i diversi soggetti che si occupano di accoglienza, il miglior strumento per supportare la crescita dei ragazzi.