Luned 14 Ottobre02:10:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Questura di Rimini: "Calano i reati del 20%, aumentano arresti e denunce"

Tempo di bilanci relativamente alle attività delle forze di Polizia nel periodo 1 giugno/15 settembre

Cronaca Rimini | 13:03 - 17 Settembre 2019 Ingresso della Questura di Rimini Ingresso della Questura di Rimini.

Tempo di bilanci per la Questura di Rimini, al termine del weekend del Motomondiale. La "coda" dell'estate (meteorologicamente, ma non solo) ha infatti mantenuto flussi turistici significativi. La Questura ha così proceduto con il mantenimento del piano sicurezza varato per la stagione estiva e in previsione proprio degli ingenti flussi di persone, in arrivo o in permanenza sul territorio. Al termine del periodo (1 giugno-15 settembre), secondo dati ufficiali della Questura, rispetto allo stesso arco temporale del 2018, i reati sono calati del 20% su tutto il territorio provinciale e sempre del 20% nel comune di Rimini. Nel contempo si sono incrementati i risultati operativi: da 126 arresti a 161 (+27%), da 368 denunciati a 440 (+2%). Da parte della Divisione di Polizia Anticrimine sono stati emessi 30 avvisi orali (22 nel 2018), 40 fogli di via nei confronti di soggetti italiani e stranieri socialmente pericolosi, sette ammonimenti e due Daspo.


Lotta allo spaccio


Particolarmente rilevante è stato il risultato conseguito nel contrasto allo spaccio di stupefacente. La Polizia ha infatti sequestrato, dal 1 giugno al 15 settembre, diverse tipologie di sostanza stupefacente, per un quantitativo di oltre 13 chili tra cocaina, eroina, ecstasy, ketamina, Mdma, marijuana e hashish. Con l'ausilio delle unità cinofile e del reparto a cavallo, sono stati costantemente battuti e bonificati i parchi, le aree verdi della città,  le zone del lungomare, anche in base alle segnalazioni di cittadini e turisti; ma anche gli stabili abbandonati, dentro i quali spesso si nascondono pusher. 


Controlli anti abusivismo commerciali e anti alcol


È proseguita per tutta l’estate l’attività di prevenzione e contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale sul lungomare di Rimini, di Bellaria e di Cattolica. Fin dal mese di maggio e per tutti i mesi di giugno, luglio e agosto, con una considerevole presenza di turisti, il Nucleo interforze ha prodotto “ottimi” risultati, con denunce, sequestri e identificazioni dei venditori abusivi.  Serrati anche i controlli della Polizia amministrativa della Questura di Rimini presso gli esercizi commerciali e i locali di ritrovo della Riviera, al fine di verificare il rispetto delle norme in materia di sicurezza dei locali, di rispetto delle norme sull’inquinamento acustico, di somministrazione di bevande alcoliche, di impiego del personale addetto ai servizi di controllo. Gli agenti della Questura di Rimini, hanno irrogato sanzioni amministrative per un totale di diverse migliaia di euro, per somministrazione di alcolici a minorenni e per l’impiego di personale addetto ai servizi di controllo in violazione delle disposizioni vigenti in materia. Particolarmente incisiva è stata poi l’attività che il personale della Divisone Amministrativa ha espletato per contrastare la vendita illecita di bevande alcoliche a minori e oltre i limiti previsti dalla vigente normativa. I provvedimenti ex articolo 100 tulps notificati sono stati sei nei confronti di diversi locali di intrattenimento e minimarket dei Comuni di Rimini, Riccione e Bellaria. Tra le infrazioni rilevate, commesse altresì in un breve lasso di tempo, quelle riguardanti soprattutto la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche a minori, anche under 16.