Martedž 15 Ottobre12:23:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Rimini arrivano incentivi per chi ristruttura all’insegna del "green"

Sgravi per sicurezza sismica, efficientamento energetico, accessibilità e tetti e pareti "verdi"

Attualità Rimini | 14:47 - 16 Settembre 2019 Pannelli solari Pannelli solari.

Dal comune arriva il via libera alla revisione del contributo di costruzione, un aggiornamento richiesta dallo Regione, in coerenza e coordinamento con la nuova legge urbanistica regionale, che lascia spazi e flessibilità ai Comuni per meglio adattare la disciplina degli oneri alla specificità dei territori. Una possibilità che l’Amministrazione comunale ha deciso di cogliere andando a contenere l'incremento della quota degli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e del costo di costruzione attraverso l’applicazione, in gran parte dei casi, delle percentuali massime di riduzione consentite dalla delibera regionale e tenendo conto dell’obiettivo di garantire un equilibrio nel gettito previsto dagli oneri edilizi, che costituiscono una voce rilevante del bilancio comunale a supporto della realizzazione di opere pubbliche.


Per incentivare le operazioni di ristrutturazione edilizia nel segno dell’efficientamento energetico e della messa in sicurezza sismica sono previste diverse forme incentivanti.


Incentivi dal 35% al 40% sul contributo di costruzione  per gli interventi nel territorio urbanizzato che rispondono agli obiettivi definiti dal 7 ter della legge 20, incentivi non cumulabili però con altri incentivi ammessi dal RUE. La misura massima di incentivazione è prevista anche per gli interventi che interessano anche i centri abitati di Santa Giustina, San Vito, Santa Maria in Cerreto e Gaiofana in quanto classificati negli strumenti urbanistici comunali come territorio urbanizzato.


In alternativa, trasversalmente sul territorio del comune, sono previsti sgravi fino ad un massimo del 30% sugli oneri per gli interventi di riqualificazione edilizia riconosciuti di interesse pubblico, stabilendo ulteriori riduzioni fino ad un massimo del 30% in particolare per chi interviene sull’efficientamento energetico, sulla sicurezza sismica, sull’eliminazione delle barriere architettoniche e sulla realizzazione di tetti verdi e pareti verdi verticali. Particolare attenzione è stata prestata anche al comparto turistico ricettivo per favorire la riqualificazione del settore.


“La disciplina regionale è stata approvata a inizio anno andando ad aggiornare il calcolo degli oneri fermo al 1998/1999 – sottolinea l’assessore alla pianificazione del territorio Roberta Frisoni – ed è in linea con il principio cardine di sviluppo del nostro territorio e cioè disincentivare chi consuma il suolo e premiare chi rigenera e riqualifica, con un occhio particolare alla sostenibilità ambientale e alla sicurezza sismica. Questo aggiornamento prosegue il percorso avviato con la revisione del Rue che andremo a discutere a giorni in Consiglio Comunale e va ad integrarsi alla serie di azioni trasversali a cui l’Amministrazione sta lavorando”.