Venerd́ 18 Ottobre08:50:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Motogp a Misano, sette sospetti 'bagarini' rischiano il Daspo

Sono dei napoletani tutti pregiudicati, sorpresi dalla Guardia di Finanza di Rimini, impegnata nei controlli

Cronaca Misano Adriatico | 14:08 - 14 Settembre 2019 Pattuglia della Guardia di Finanza al circuito Marco Simoncelli Pattuglia della Guardia di Finanza al circuito Marco Simoncelli.

E’ in corso anche in questa seconda giornata del “Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini”, sabato 14 settembre, l’intensa attività di contro della Guarda di Finanza. Sono circa 40 i  militari che stanno operando già da venerdì mattina presso l’area del circuito eseguendo controlli di polizia economica e finanziaria. In azione anche pattuglie in borghese e le unità cinofile. Nell'ambito del contrasto al bagarinaggio, sono già cinquanta i soggetti sospetti complessivamente identificati e controllati mentre stazionavano nei pressi degli accessi al circuito e delle casse con atteggiamenti da potenziali “bagarini”. Per sette dei soggetti, tutti originari di Napoli e gravati da precedenti, è stata disposta la msura di prevenzione personale del divieto di ritorno nel comune di Misano Adriatico; inoltre la Questura di Rimini valuterà se adottare sette fogli di via obbligatori oppure altrettanti Daspo.

I finanzieri della Tenenza di Cattolica sono impegnati inoltre nell’attività di controllo in materia di rilascio di scontrini e ricevute fiscali, nonché nell’esecuzione di rilevamenti ai fini fiscali presso le aree private dove sono stati allestiti parcheggi per gli spettatori in arrivo a Misano, al fine di identificare il gestore e rilevare il numero dei veicoli in sosta. Infatti, coloro i quali adibiscono un’area privata a parcheggio, devono annotare gli incassi derivanti dall’attività di posteggio, anche se occasionalmente esercitata, nella propria dichiarazione dei redditi. Finora sono stati dieci i gestori controllati.