Marted́ 22 Ottobre19:00:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Lotta al dissesto: la Regione stanzia 2 milioni e 250 mila euro per Bellaria e San Giovanni in Marignano

Verranno sistemati il tratto urbano del torrente Uso e la foce di Bellaria

Attualità Bellaria Igea Marina | 14:23 - 06 Settembre 2019 Morelli e Petitti Morelli e Petitti.

Sono in arrivo 1 milione e 600 mila euro per la sicurezza idraulica del centro di San Giovanni in Marignano e 650 mila euro per l’adeguamento del tratto urbano del torrente Uso fra la ex Statale 16 e la Foce di Bellaria Igea Marina.

Lo stanziamento complessivo della Regione Emilia-Romagna è di 2 milioni e 250 mila  al territorio riminese per permettere la realizzazione di due interventi strategici per la prevenzione del rischio idrogeologico.

Il ministro Costa ha già firmato il decreto che assegna i finanziamenti per l’attuazione dello stralcio 2019 del piano nazionale, approvato dal Cipe, che mette a disposizione per la Regione 21 milioni e 680 mila euro per la messa in sicurezza territoriale.

«Ancora una volta gli interventi di tutela del territorio sono tra le priorità di questa amministrazione – dichiara l’assessora regionale al bilancio Emma Petitti - . Sappiamo quanto certe aree della nostra regione siano fragili e quanto siano importanti gli interventi di prevenzione per contenere il dissesto idrogeologico. Ora, grazie allo sblocco da parte del Cipe, siamo nelle condizioni di stanziare quasi 22 milioni di euro in tutto il territorio di cui una parte importante verrà destinata alla provincia di Rimini, ovvero ai progetti di San Giovanni in Marignano e di Bellaria Igea Marina, atti molto attesi dalle comunità».

«Ci tengo a ringraziare vivamente la Regione Emilia-Romagna, in particolare l’assessora all’ambiente Paola Gazzolo e la nostra assessora di riferimento Emma Petitti per la grande disponibilità e attenzione verso le richieste dei territori – aggiunge Daniele Morelli, sindaco del Comune di San Giovanni in Marignano -. Si tratta di un intervento importante per la nostra realtà, costretta spesso a subire le conseguenze delle ‘bombe d’acqua’. Un ulteriore passo in vanti per la risoluzione di questo problema e una bella notizia per tutti i marignanesi».