Marted 22 Ottobre18:59:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Matilda, 15enne di Santarcangelo protagonista al festival 'Una voce per l'Europa-Italia'

Si è classificata tra i primi otto della categoria canzoni in lingua straniera

Attualità Santarcangelo di Romagna | 13:02 - 03 Settembre 2019 Matilda Bonucci Matilda Bonucci.

A Chianciano Terme si è svolta la finale della 51esima edizione del festival “Una voce per l’Europa - Italia”. Matilda Bonucci, 15enne Santarcangiolese, si piazza fra i primi 8 nella categoria canzoni in lingua straniera. Matilda, residente a Santarcangelo di Romagna, frequenta il secondo anno del liceo classico Giulio Cesare Valgimigli a Rimini.

Per alcuni anni Matilda si è dedicata allo studio dei balli romagnoli per poi scoprire la passione per il canto. Ha iniziato quindi a prendere lezioni canore e a partecipare a piccoli concorsi locali tra cui il Festival di Gatteo sino ad approdare alle selezioni per la partecipazione al Festival di Castrocaro Terme. Dopo aver superato le selezioni tra oltre 300 partecipanti in tutta Italia, è riuscita a posizionarsi tra i primi 16 cantanti in lingua straniera e ad approdare per la prima volta a “Una voce per l’Europa” per la fase finale a eliminazione diretta che l’ha vista posizionarsi fra i primi 8 artisti in gara. Un risultato straordinario considerata la giovane età.


“Una voce per l’Europa - Italia”  è una tra le manifestazioni canore più longeve nel panorama musicale italiano. Il concorso è nato nel 1968 da un’idea di Silvio Giorgetti e si prefigge di contribuire al lancio di nuovi talenti e opera artistiche. 

Da allora il concorso ha lanciato numerosi cantanti di caratura nazionale ed internazionale come Laura Pausini e Zucchero Fornaciari. A presentare il festival si sono susseguiti grandi presentatori del calibro di Pippo Baudo ed è stato più volte trasmesso in Rai. Il concorso dopo la scomparsa del suo ideatore aveva avuto una battuta d’arresto sino a quando è stato rilevato dalla Nove Eventi Srl che negli ultimi anni lo ha rilanciato riportandolo ai fasti del passato.