Sabato 21 Settembre20:25:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La Romagna dei Malatesta diventa un libro, la presentazione a Rimini

Venerdì 6 settembre incontro con gli autori Antonio Paolucci e Rosita Copioli

Eventi Rimini | 09:31 - 30 Agosto 2019 Copertina del libro "La romagna dei Malatesta" Copertina del libro "La romagna dei Malatesta".

Venerdì 6 settembre alle 18 al Teatro degli Atti di Rimini sarà presentato il volume La Romagna dei Malatesta. Rimini e Cesena.

Alla presentazione parteciperanno Antonio Paolucci e Rosita Copioli, autori del volume, che ci sveleranno la bellezza nascosta della Romagna dei Malatesta, incorniciata fra la collina, la pianura e il mare.

Lo storico dell’arte di origini riminese Antonio Paolucci porta il lettore alla scoperta di Rimini, Caput viarum, “Capolinea delle Vie” perché sotto il fornice dell’Arco di Augusto finiva la via Flaminia e, oltre il Ponte di Tiberio, era possibile scegliere tra la via Emilia, che attraversava la Gallia Cisalpina, e la Popilia, che piegava verso Aquileia e l’Illirico, luogo di passaggi, di incontri, di scambi.

Dalle testimonianze romane agli affreschi della chiesa di Sant’Agostino, tra i più preziosi esempi della raffinata scuola pittorica riminese delle origini, al Tempio Malatestiano, edificato da Sigismondo Malatesta con l’apporto di Leon Battista Alberti.

E poi Cesena, con la Biblioteca Malatestiana, magnifica espressione dell’Umanesimo quattrocentesco. 

La poetessa Rosita Copioli, anche lei riminese, racconta miti e genealogie locali – dagli uomini della preistoria a Fellini – in un turbine irresistibile di riflessi e rimandi e illuminazioni, alla ricerca dell’invisibile alle spalle del visibile, dell’infinito alle spalle del finito, dell’eterno alle spalle dell’antico e del recente.

Le immagini delle eccellenze di Rimini e Cesena fotografate da Luciano Romano e da Gilberto Urbinati accompagneranno le parole di Antonio Paolucci e Rosita Copioli durante la presentazione.

La presentazione è organizzata con la collaborazione del Comune di Rimini. 

Sarà presente l’Assessore alla cultura, Gianpiero Piscaglia.