Marted́ 22 Ottobre02:04:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mamma e figlioletto vivono nel terrore perseguitati dall'ex convivente, arrestato 27enne

Donna subisce violenze e minacce morte, applicata la nuova legge sul 'codice rosso'

Cronaca Forlì | 17:53 - 28 Agosto 2019 Mamma e figlioletto vivono nel terrore perseguitati dall'ex convivente, arrestato 27enne

Da oltre un anno doveva subire le violenze e le minacce di morte da parte del convivente con cui aveva avuto un figlio di pochi mesi: i carabinieri di Meldola hanno arrestato un ventisettenne albanese, ponendo così fine all'incubo a cui era sottoposta la giovane connazionale. La vicenda aveva preso avvio nel maggio 2018 a Rimini, dove i due convivevano, con un primo arresto del ventisettenne che, convinto la donna avesse un amante, la sottoponeva a violenze e minacce di morte, anche davanti al figlioletto. La successiva espulsione dell'albanese non era poi stata eseguita per questioni tecnico-giuridiche e questi aveva fatto ritorno a Rimini riprendendo con le minacce e le violenze. La donna, a questo punto, si era spostata a Meldola, nel forlivese, da una sorella, ma il compagno aveva continuato con telefonate e messaggi a minacciarla. Il 17 agosto scorso l'uomo ha individuato l'abitazione in cui si trovava la compagna, tentando un'incursione. La donna ha chiamato il 112 ed i carabinieri in pochi minuti hanno bloccato ed arrestato il ventisettenne. A bordo della sua auto trovati alcuni coltelli. L'uomo è stato arrestato in flagranza applicando la nuova legge 'codice rosso' che rafforza la tutela delle vittime di violenze domestiche e di genere.