Mercoledž 23 Ottobre08:14:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sputi, insulti sessisti alle donne poliziotto e spintoni: arrestato sul lungomare di Rimini

Un 39enne tunisino, pregiudicato, è stato trovato in possesso di piccole dosi di droga

Cronaca Rimini | 15:12 - 12 Agosto 2019 Cane della Polizia (foto di repertorio) Cane della Polizia (foto di repertorio).

Un 39enne tunisino è stato arrestato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, ma anche denunciato per minacce e oltraggio a pubblico ufficiale, detenzione di armi o oggetti atti a offendere. L'uomo, pregiudicato, ha dato in escandescenze all'ingresso di un noto locale del lungomare di Rimini, nella notte tra domenica e lunedì, dopo essere stato fermato dalla Polizia, rivolgendo offese sessiste verso le due agenti donne presenti. Era stato individuato da una pattuglia all'altezza del bagno n.3: quando il cane antidroga Jago ha fiutato qualcosa di sospetto, l'uomo ha reagito violentemente, lanciando il tesserino di una struttura ricettiva di beneficenza, sputando verso i poliziotti e spintonando due di loro,  cercando di colpirne un terzo con un pugno. Bloccato e fatto salire sull'auto di servizio, il 39enne ha continuato a dare in escandescenze, danneggiando lo sportello posteriore, divelto di circa 5 cm dal montante. Con sé, in un marsupio, aveva due involucri di cocaina ed eroina, ma anche un coltellino multiuso di 10 cm. Una volta arrivato in Questura, ha continuato ad assumere un atteggiamento violento, rifiutandosi di sottoporsi al rilievo delle impronte digitali.