Mercoled 23 Ottobre08:27:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ottimi riscontri per il servizio gratuito "La Linea dei Borghi" che porta i turisti da Rimini a San Leo e Verucchio

Il servizio è sperimentale e terminerà il 12 settembre ma c'è già chi pensa a estenderlo

Attualità Verucchio | 14:27 - 09 Agosto 2019 La conferenza stampa con l'assessore regionale al turismo Corsini La conferenza stampa con l'assessore regionale al turismo Corsini.

È davvero notevole il gradimento ottenuto fino ad oggi dal progetto “La Linea dei Borghi”, grazie al quale turisti e visitatori possono usufruire gratuitamente ogni giovedi della linea sperimentale di bus che collega i due borghi antichi di Verucchio e San Leo con la stazione ferroviaria di Rimini.

Partita a metà maggio, nonostante il maltempo che ha caratterizzato le settimane centrali di primavera il servizio ha comunque sempre registrato visitatori ad ogni corsa: fino a giungere all’inizio dell’estate, in alcune giornate, a oltre una trentina di presenti per corsa, coinvolgendo a volte anche interi gruppi di studenti.

Cifre decisamente significative per un progetto sperimentale che proseguirà ogni giovedì fino al 12 settembre, e che ha l’obiettivo di permettere a un numero maggiore di persone di visitare agevolmente i due centri storici senza dovervi accedere con l’auto.
Per partecipare a “La Linea dei Borghi” è necessario prenotarsi rivolgendosi a San Leo 2000, che ha messo a disposizione una mail (info@sanleo2000.it) e un numero verde, 800 553 800. E’ necessario prenotarsi entro le 12 del giorno precedente a quello scelto per l’escursione.

All’arrivo nei due borghi, i turisti saranno accolti da guide che gratuitamente li condurranno per i luoghi principali dei paesi. Sono state messe a punto anche tariffe speciali per i musei e sconti in alcuni ristoranti. Sull’autobus, ai partecipanti verranno distribuiti depliant e materiale promozionale sui due Borghi, a cura delle amministrazioni comunali coinvolte.

Presto ci sarà l'inserimento di una serie di “punti di interesse”  dislocati nelle tre province romagnole all’interno di un articolato data base che riguarda tutte le regioni adriatiche che partecipano al progetto transfrontaliero: un servizio tramite il quale il turista, da qualunque parte del mondo provenga, potrà facilmente rendersi conto delle modalità di trasporto integrate che lo possono portare da un luogo di partenza a scelta fino ad ognuno dei luoghi significativi selezionati all’interno del data base.