Giovedý 19 Settembre22:28:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio Promozione, Gabicce Gradara: il 2001 Daniele Ciamaglia alla corte di mister Papini

Il laterale destro difensivo viene dal Valfoglia. Ha giocato nei settori giovanili di Ancona e Fano

Sport Gabicce Mare | 13:05 - 07 Agosto 2019 Daniele Ciamaglia in azione Daniele Ciamaglia in azione.

Il Gabicce Gradara 8Promozione Marche) ha ultimato la campagna acquisti inserendo nella rosa di mister Mirco Papini il laterale destro difensivo Daniele Ciamaglia, classe 2001 (alto 1,75), che va a rinforzare il pacchetto degli under. Ma gli occhi della società sono vigili: se si troverà un centrocampista con le giuste caratteristiche non si farà trovare impreparata per regalare al tecnico una pedina in più.

La squadra si raduna sabato alle ore 16  al ristorante Bel Sit di Gabicce Monte; lunedì e martedì prossimi saranno effettuati test fisici e da venerdì 16 comincerà la preparazione vera e propria.

Tornando a Ciamaglia, è nativo di Belvedere Fogliense; proviene dal Valfoglia in cui nella scorsa stagione si è diviso tra prima squadra e Juniores dopo essersi svincolato a gennaio dal Fano dove ha militato per due stagioni abbondanti in Berretti. In precedenza, ad appena 12 anni, era stato prelevato dal Valfoglia, la sua società di origine, dall’Ancona. Insomma, un under con una buona esperienza.

“Per tre stagioni sono stati nel club dorico, per due anni ho militato nei Giovanissimi e per una negli Allievi – racconta Ciamaglia, fresco di diploma – poi la società è fallita e da lì mi sono trasferito al Fano. Gli anni di Ancona sono stati intensi, tra scuola e allenamenti e sono stati importanti nella mia crescita di calciatore”.

I suoi obiettivi nella nuova stagione?

“Voglio dimostrare il mio valore, rendermi utile al Gabicce Gradara, una società molto referenziata. Come tutti ho l’ambizione di giocare, metterò il massimo impegno per guadagnarmi il posto. So che c’è concorrenza, ma questo deve esser di stimolo. Ho tante motivazioni”.

Il suo ruolo?

“Sono un laterale di difesa, per lo più ho giocato in uno schieramento a quattro. Mi piace spingere sulla fascia. Il mio giocatore di riferimento? Mi è sempre piaciuto Cafù. Mi ritengo un giocatore di temperamento, aggressivo, sia in fase difensiva sia offensiva”.