Domenica 20 Ottobre11:17:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La campagna nazionale "Mai più sfruttamento stagionale" arriva anche a Rimini

Sindacati, associazioni e gruppi informali si stanno attivando sui litorali italiani contro lavoro nero e sottopaghe

Attualità Rimini | 18:00 - 31 Luglio 2019 La copertina della campagna nazionale "Mai più sfruttamento stagionale" La copertina della campagna nazionale "Mai più sfruttamento stagionale".

Giovedì primo agosto alle 21.30 in piazzale Kennedy sarà lanciata anche dalla riviera romagnola la piattaforma di diritti e rivendicazioni della campagna nazionale “Mai più sfruttamento stagionale”, partita sul territorio da vari gruppi e organizzazioni della riviera romagnola alla quale hanno aderito altre realtà ed organizzazioni del litorale tirrenico (tra cui Marina di Massa, Grosseto e Viareggio, ma anche le più vicine Cesenatico, Cattolica, Pesaro, Senigallia).

La piattaforma chiede: l’istituzione di una base minima, con un solo Contratto Nazionale; lotta alle basse retribuzioni orarie, al lavoro nero e “grigio”; l’istituzione di giorni di riposo chiari, ma soprattutto del giorno libero; no alla riduzione del salario in cambio di vitto e alloggio e no a demansionamento e sottoinquadramento; stop a tirocini, stage, alternanza scuola-lavoro.

La campagna e la sua piattaforma sono strumenti proposti ai lavoratori e soggetti che vogliono dire basta a questa forma di sfruttamento: strumenti di unità che sono necessari per migliorare le condizioni di vita dei lavoratori stagionali.