Marted́ 20 Agosto00:16:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Distributori di acqua microfiltrata per le scuole e i due plessi comunali di Cattolica

Prosegue l'impegno dell'amministrazione nella riduzione dell'uso di plastiche

Attualità Cattolica | 13:04 - 31 Luglio 2019 Il sindaco Mariano Gennari con in mano una borraccia per la riduzione dell'uso di plastica usa e getta Il sindaco Mariano Gennari con in mano una borraccia per la riduzione dell'uso di plastica usa e getta.

Prosegue l'impegno dell'amministrazione comunale di Cattolica per l'incentivazione e la sensibilizzazione alla riduzione dell'uso della plastica. Il nuovo tassello che si aggiunge passa dall'installazione e messa in funzione, dai primi giorni settembre, di nove distributori di acqua microfiltrata collegati alla rete idrica. In particolare, sette saranno a disposizione dei plessi scolastici cittadini e due posti nelle sedi comunali. Inoltre, con l'avvio del nuovo anno formativo, è prevista la distribuzione gratuita a ciascun studente dei plessi cattolichini di borracce in tritan, un materiale ecologico e sicuro perché non contiene bisfenolo A (dannoso per la salute).

IL PROGETTO
Per i sette distributori nelle scuole e i due nelle sedi comunali, con la distribuzione di 1170 boracce in tritan da 500 ml è previsto un importo complessivo di spesa di 17 mila euro circa, di cui . Di cui l'80 per cento viene coperto grazie ad un finanziamento di Atersir di cui il comune è risultato assegnatario. 

L'installazione degli erogatori di acqua nei soli uffici comunali consentirà l'eliminazione di circa 10 mila bottigliette di plastica da mezzo litro. Ne consegue una riduzione di 500 kg di CO2 derivante dalla produzione e trasporto delle bottigliette e di 2100 litri di acqua impiegati per la loro produzione.

Per gli edifici scolastici si calcola, invece, l'eliminazione di circa 10 mila bottiglie di plastica da 2 litri, con una riduzione di 3,5 tonnellate di CO2 derivante dalla produzione e trasporto delle bottigliette e di 17.600 litri di acqua impiegati per la loro produzione.

PER LE GENERAZIONI FUTURE
«Partiamo dal quotidiano, dalle nostre scuole ed uffici, per comprendere – commenta il Sindaco Mariano Gennari - che anche piccole azioni locali possano riuscire ad avere  un impatto globale. Stiamo agendo in maniera fattiva su vari fronti, l’auspicio è che tutte le amministrazioni si impegnino a combattere insieme adottando provvedimenti che vadano nell'ottica di riduzione del consumo di plastica, di minor produzione di rifiuti. Puntiamo sui nostri studenti, perché abbiamo il dovere morale di consegnare un mondo migliore alle nuove generazioni. Vedo realizzarsi una azione che ho fortemente desiderato, un segnale importante per i bambini e le loro famiglie. La riduzione del consumo di plastica nasce dall'agire quotidiano: piccole azioni locali, grandi rivoluzioni globali».

OPERE PUBBLICHE GREEN
L'amministrazione Gennari si è da subito impegnata ad essere il più possibile eco-friendly. Tutti i progetti di riqualificazione ed i nuovi edifici rispettano le caratteristiche di eco-sostenibilità: come la piscina comunale o il centro tennistico Leoncavallo, lo stadio Calbi e palazzo Mancini. Per dare un dato, si può evidenziare come grazie agli impianti presenti su tutto il territorio di Cattolica si producano circa 3064 megawatt di energia all'anno per un corrispondente di 1532 tonnellate di anidrite carbonica che non viene emessa. I soli edifici comunali sviluppano 243 megawatt annui pari a 122 tonnellate di Co2 non emessa.

POLITICHE AMBIENTALI
Per il fabbisogno energetico Cattolica ha scelto di utilizzare solo fonti rinnovabili, 100 per cento verdi e certificate. L’estate scorsa è entrato in funzione al porto “Marina di Cattolica” il Seabin: un innovativo cestino che riesce a raccogliere circa 1,5 chilogrammi di plastica al giorno.  Inoltre tra le varie azioni messe in campo dall'Amministrazione, ad inizio 2017 Cattolica ha aderito al PAESC, il nuovo Patto dei Sindaci per il clima e l’energia, impegnandosi a ridurre le immissioni di gas climalteranti di almeno il 40% entro il 2030. Per il 2019 le spiagge cattolichine si sono potute fregiare della Bandiera Blu, la 23° nella storia cittadina. E la qualità delle acque è un toccasana per la salute, basti pensare che i pediatri italiani aggiudicano alla Regina anche la cosiddetta “Bandiera Verde”, un riconoscimento che spetta alle località ideali per le vacanze con bambini. Ed ancora, la messa a dimora di 200 alberi  piantati nell’area Boschiva di via Mascagni che contribuiscono alla capacità di assorbimento di CO2 nel territorio.