Mercoledý 21 Agosto23:36:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Turisti fedeli, premiato gruppo di Brescia in vacanza da 30 anni a Rimini

Uno di loro, giornalista, dedica un articolo alle vacanze romagnole

Turismo Rimini | 12:16 - 31 Luglio 2019 Turisti fedeli da Bergamo a Rimini Turisti fedeli da Bergamo a Rimini.

Un'altra premiazione dell'assessorato al Turismo per amici che trascorrono a Rimini le loro vacanze. L'assessore Jamil Sadegholvaad  ha premiato un gruppo di turisti bresciani. Uno di loro è giornalista al Giornale di Brescia e ha dedicato un articolo di ringraziamento a Rimini e alla sua ospitalità.

“Possono Rimini, e soprattutto San Giuliano Mare, diventare una sorta di seconda casa per un gruppo di bresciani arrivati in Romagna adolescenti e ora diventati adulti? Possono eccome, visto che da 30 anni non manca mai una visita, una vacanza, magari anche solo la scappata di un giorno per un pranzo e il saluto agli amici conosciuti in spiaggia, e che ora sono come fratelli.

Come spesso accade tutto è successo casualmente a fine degli anni Ottanta: 1989, si pensa alle vacanze, Rimini è il “mito”. Io (Gianluca), Simonetta, Paolo, Edoardo, gli storici di un gruppo che è andato anche ad allargarsi negli anni d’oro, approdiamo a San Giuliano più per scelta dei nostri genitori che nostra. Ma è subito amore. Perché non sarà Marina Centro, ma tutto ciò che ci circonda si fa spazio ed entra nel cuore.

Prima Villa Maris, por altri hotel. Il Bagno 1 di Nelida e Giovannino con le partite a ping pong e bocce, i piano bar capaci di diventare karaoke nelle gelaterie, la pizza mangiata in spiaggia dopo mezzanotte presa alla Capannina, i bomboloni dell’alba a Rivabella. E poi i primi baci sul pontile, i primi amori, le emozioni anche solo nel tenersi mano nella mano. E la “trasferta” serale, sedicenni e senza patente, al pattinodromo a Rimini prendendo il mitico traghettino con 500 lire andata-ritorno. Poi sono arrivate le auto, le birrerie a Marina Centro con la musica dal vivo, le piade a Covignano, le discoteche. Ma tutto ciò che c’è stato prima è quello che sempre resterà.

Per noi, legati a Brescia come alla Riviera, sono ricordi indelebili della nostra giovinezza. E ancora oggi, diventati adulti e genitori, facciamo in modo che quei momenti restino tra i più belli della nostra vita. Grazie a Simone, a Davide, a Cristian, a Gianluca, a tutti coloro che abitano qui e che qui ci fanno sentire a casa oggi come ieri, ogni volta in cui la nostra auto spegne il motore e il nostro cuore si apre”.

Gianluca Magro

Giornale di Brescia