Sabato 24 Agosto04:05:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Controlli lungo i binari, operazione 'Alto impatto': droga, denunce e check bagagli

Operazione straordinaria di controllo a viaggiatori e bagagli

Cronaca Rimini | 23:12 - 26 Luglio 2019 Stazione di Rimini Stazione di Rimini.

Oltre 1148  persone identificate, 430  bagagli controllati, 2 persone denunciate in stato di libertà, una per furto aggravato e ricettazione e l’altra per  minaccia a Pubblico Ufficiale, 2 soggetti segnalati all’Autorità Amministrativa per violazioni connesse alla normativa sugli stupefacenti ed il  sequestro di 15 grammi di sostanza stupefacente. 

Questi i risultati dell’operazione straordinaria di controllo a viaggiatori e bagagli denominata Alto Impatto, coordinata a livello nazionale dal Servizio Polizia Ferroviaria del Ministero dell’Interno, conclusasi nella serata di giovedì 25 luglio, che ha visto impegnati sull’intero territorio regionale oltre 145 operatori della Specialità Polizia Ferroviaria unitamente ad unità cinofile della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza. 

Nella sola provincia di Rimini, 15 operatori della Polizia Ferroviaria hanno identificato 61 persone e controllato decine di bagagli. In particolare il personale in servizio presso la stazione di Riccione, da quest’anno presidiata dalla Polizia Ferroviaria per tutto il periodo estivo, ha denunciato a piede libero il cittadino polacco S.T.P di 32 anni, resosi responsabile del furto della somma di 30 euro in danno di un individuo presente all’interno dello scalo. Nel corso della perquisizione personale  S.T.P. veniva trovato in possesso di 6 telefoni cellulari e vari documenti intestati a cittadini stranieri ed italiani e pertanto denunciato anche per ricettazione. 

Il servizio è il frutto di un ennesimo impegno della Polizia Ferroviaria nella pianificazione di controlli straordinari all’interno delle stazioni, con particolare riferimento agli scali ubicati nelle mete di villeggiatura, finalizzati a garantire la tutela e la serenità dei viaggiatori nei loro spostamenti e la sicurezza del trasporto ferroviario, nonché ad incrementare il livello di sicurezza generale con azioni di contrasto delle attività illecite e la prevenzione di possibili azioni eversive.  

Le attività, coordinate dal Centro Operativo Compartimentale della Polizia Ferroviaria mediante i sistemi di geolocalizzazione delle pattuglie e remotizzazione delle immagini di stazione, sono state ottimizzate grazie all’utilizzo degli smartphone di ultima generazione in dotazione alle pattuglie per il controllo in tempo reale dei documenti elettronici.