Luned́ 14 Ottobre06:55:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Partecipazione: La Regione finanzia progetti per cittadinanza digitale, crescita sostenibile e riqualificazione degli spazi urbani

Mezzo milione di euro per sostenere progetti da realizzare sul territorio dell'Emilia-Romagna

Attualità Rimini | 21:03 - 24 Luglio 2019 L'assessora Emma Petitti L'assessora Emma Petitti.

Al via il bando regionale destinato a finanziamenti di iniziative di Enti locali, soggetti pubblici e privati. Scadenza delle domande mercoledì 16 ottobre 2019. L'assessora Petitti: "Vogliamo dar vita a progetti diretti al benessere e al miglioramento della collettività emiliano-romagnola".

Più qualità alla vita delle comunità emiliano-romagnole. E questo attraverso la diffusione, ad  esempio, dei diritti di cittadinanza digitale, come l’accesso alle reti e all’informazione. Oppure attraverso la promozione della crescita sostenibile e l’economia circolare, ma anche attraverso la promozione  di modelli collaborativi per la progettazione e riqualificazione degli spazi urbani. E poi, ancora, attraverso il miglioramento dello stato di salute e di benessere dei cittadini, rafforzando le politiche per le pari opportunità, vincendo pregiudizi e discriminazioni. 

A tutto ciò punta il bando Partecipazione che la Regione finanzia con circa 500 mila euro nel 2019. A disposizione un budget di massimo di 15 mila euro per ogni progetto, che potrà essere presentato da enti locali, soggetti pubblici e privati che intendono avviare  percorsi partecipativi sulla sostenibilità, la tutela del territorio, la diffusione del benessere e lo sviluppo sostenibile, in linea con quanto previsto dall’Agenda 2030.

«Un bando che punta alla promozione del territorio e del protagonismo del cittadino», spiega l’assessora al Riordino istituzionale della Regione Emilia-Romagna, Emma Petitti, «nella prospettiva di una maggiore collaborazione con le Istituzioni attraverso lo scambio di idee e proposte. Lavorando in sinergia si possono dare vita a grandi progetti diretti al benessere e al miglioramento della collettività. Vogliamo avvicinarci alle esigenze e ai bisogni dei cittadini, anche attraverso il loro coinvolgimento nelle scelte della Regione allo scopo di rendere più incisive le nostre politiche. Guardiamo, in particolare, alle azioni che coniugano lo sviluppo dell’economia con la tutela dell’ambiente e con un maggior benessere sociale. L’dea guida è sempre la stessa: collaborare per crescere e creare».
 
LE DOMANDE
Per accedere ai contributi la domanda deve essere presentata online entro il prossimo 16 ottobre sul sito https://partecipazione.regione.emilia-romagna.it/bando-2019.
Saranno ammessi a contributo proposte progettuali aventi ad oggetto processi partecipativi di durata non superiore a sei mesi dal loro avvio. Progetti di particolare complessità, la cui valutazione spetta al Tecnico di garanzia, possono avere una durata massima di dodici mesi. Garantite premialità alle Unioni di Comuni.