Domenica 25 Agosto04:03:47
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sci, la campionessa olimpica azzurra di discesa libera Sofia Goggia mercoledì 24 sul Titano

Sarà ricevuta insieme al presidente federale Flavio Roda dai Capitani Reggenti

Sport Repubblica San Marino | 18:21 - 21 Luglio 2019 La campionessa olimpica di discesa libera Sofia Goggia La campionessa olimpica di discesa libera Sofia Goggia.

Un ospite illustre per la Repubblica e per la Federazione Sammarinese Sport Invernali: mercoledì 24 luglio salirà sul Titano, su invito delle autorità di Governo,  la campionessa olimpica di discesa libera Sofia Goggia. La ventisettenne bergamasca, che oltre all’oro conquistato a Pyeongchang può vantare anche una Coppa del Mondo nella stessa specialità, oltre a detenere il record nazionale di punti segnati in una singola edizione di Coppa del Mondo -1197 nel 2017 – (nel suo palmarès figurano anche un argento e un bronzo mondiale, rispettivamente ottenuti nel supergigante di Åre 2019 e nello slalom gigante di Sankt Moritz nel 2017), sarà accompagnata dal presidente della Federazione Italiana Sport Invernale Flavio Roda.
I due arriveranno a San Marino nel tardo pomeriggio di mercoledì; alle 19:00 saranno accolti dal Segretario di Stato per lo Sport Marco Podeschi presso la sede della sua Segreteria per un saluto di benvenuto. Alle 19:30 Sofia Goggia sarà a disposizione dei fans in Piazza della Libertà per autografi e foto. Alle 20:00, poi, la sciatrice azzurra e il presidente Roda saranno ricevuti in udienza dalle Loro Eccellenze Nicola Selva e Michele Muratori per ricevere il titolo di Cavaliere concesso loro dal Gran Magistero dell’Ordine Equestre di Sant’Agata.
“La presenza a San Marino di una campionessa del calibro di Sofia Goggia – commenta il presidente federale Eraldo Cellarosi – è per noi un grande onore e una chiara testimonianza dei buoni rapporti che da sempre ci legano con l’Italia. Speriamo che la sua visita possa essere di stimolo per i giovani che si sono da poco avvicinati alle discipline invernali, affinché possano proseguire il loro percorso andando ad alimentare il bacino da cui attingere atleti per l’attività agonistica federale”.